Gideon Levy: "Quelle bombe e la vergogna di essere israeliano"

E’ l’icona vivente del giornalismo “radical” israeliano. Amato o odiato, senza mezze misure. Perché Gideon Levy spiazza, non fa sconti, scuote le coscienze. Leggere per credere

Bombe israeliane a Gaza

Bombe israeliane a Gaza

Umberto De Giovannangeli 30 maggio 2021

E’ l’icona vivente del giornalismo “radical” israeliano. Amato o odiato, senza mezze misure. Perché Gideon Levy spiazza, non fa sconti, scuote le coscienze. Leggere per credere

“Giovedì, ho provato un grande orgoglio di essere un lettore - e scrittore - di Haaretz e una profonda vergogna di essere israeliano. La prima pagina del giornale di quel giorno avrebbe dovuto essere esposta nelle basi delle forze aeree d'Israele, in modo che i piloti e i loro assistenti e i comandanti di corpo e di squadrone la vedessero. Cosa avrebbe provato il tenente Gal il pilota intervistato da Yedioth Ahronoth alla fine del confronto militare di questo mese con Hamas. Aveva detto al giornale che ‘provava sollievo’ dopo aver sganciato le bombe su Gaza? Proverebbe ancora lo stesso sollievo dopo aver visto la sua opera - le fotografie dei 67 bambini morti sulla prima pagina di Haaretz? L'unico ‘lieve shock’  provato da quella macchina da bombardamento chiamata pilota sarebbe ancora il momento in cui ha sganciato le bombe, come ha raccontato - o la vista delle foto dei bambini morti avrebbe generato in lui qualche altra emozione che gli avrebbe impedito di compiere di nuovo una missione così spregevole? Le immagini sono scioccanti nella loro grandezza cumulativa. Tutta la propaganda sui ‘più morali’  e ‘i migliori che vanno in aviazione’, sugli ‘attacchi aerei chirurgici’ e i colpi di avvertimento sui tetti di Gaza si dissipano improvvisamente di fronte a queste foto. Il sorriso smagliante di Rafeef, 10 anni. La maschera indossata da Amir, 9 anni. Mohammed, che non avrebbe mai festeggiato nemmeno un compleanno. Gli occhiali da sole colorati di Islam, di otto anni, nell'ultima foto che lo ritrae, che potrebbe anche essere la prima.

Queste fotografie sono più convincenti di mille vuoti discorsi di propaganda israeliana sull'autodifesa, sulla colpa di Hamas e su come non ci fosse alternativa. Questo è l'ultimo, singolare risultato, davanti al quale solo i piloti e gli altri israeliani a cui è stato fatto il lavaggio del cervello possono rimanere indifferenti e persino parlare del loro ‘sollievo’. Dopo il primo shock è arrivato il secondo, solo un po' meno del primo: le reazioni in Israele. Se qualcuno avesse ancora dubitato della portata della negazione e della repressione psicologica in cui vive la società israeliana, se qualcuno avesse dubitato della gravità della sua malattia morale, le reazioni alla prima pagina lo hanno dimostrato. Questa società è molto malata. Il dibattito nei media e sui social media è scoppiato come un incendio. È stato selvaggio e istruttivo.

Israele stava evitando la temuta notizia come la peste. Nessuno parlava dei bambini morti, delle dimensioni orribili dell'uccisione e dell'esercito che l'aveva commessa. Non era affatto l'argomento. In un'incredibile esibizione acrobatica, gli israeliani hanno tirato fuori tutto quello che avevano e anche di più per evitare la verità, eludere la responsabilità e continuare con la loro solita autocelebrazione. Ecco una lista parziale: Haaretz è colpevole perché non ha pubblicato le foto dei due bambini israeliani uccisi. Il New York Times è colpevole perché ha scritto che solo due bambini palestinesi sono stati uccisi dai razzi palestinesi. Hamas è colpevole perché usa i bambini come scudi umani. Hamas è colpevole perché spara razzi dai centri abitati. I bambini non sono stati nemmeno uccisi. Ci sono foto in cui li si vede alzarsi dai loro sudari. C'era solo una cosa di cui nessuno osava parlare: La responsabilità di Israele, la colpa delle Forze di Difesa Israeliane, il ruolo dei piloti e la parte condivisa da ogni israeliano, dal primo ministro Benjamin Netanyahu in giù, nella responsabilità morale di questa uccisione di bambini. Sotto gli auspici dei suoi pietosi media, un'intera società è stata arruolata come una sola persona, spalla a spalla, per eludere ogni responsabilità, per sviare ogni colpa, per accusare il mondo intero, per dissipare ogni dubbio e dire: Non è per mano nostra che è stato versato questo sangue. Ma l'amara verità è che è stato solo per mano nostra. Non c'è altro modo di presentarla. Non c'è altra verità da mettere in mostra. Si può dire che questo è ciò che succede in guerra e anche pensare che se non fosse stato per Hamas, questa guerra non sarebbe scoppiata - il che è molto dubbio - ma dare tutta la colpa alla vittima è un nuovo record di disprezzo israeliano. Neanche una parola di rammarico? Di dolore? Un briciolo di responsabilità? Un accenno di colpa? Un risarcimento per le famiglie? Non Israele. Mai. I bambini sono morti negli attacchi aerei. I bambini sono colpevoli. Solo loro. Assolutamente solo loro”.

Così Gideon Levy, coscienza critica d’Israele.

Anche il titolo scelto dal giornale rimanda alla parte umanamente più insopportabile di qualsiasi conflitto: la perdita delle vite umane più piccole. Haaretz scrive sopra i volti sorridenti dei bambini Questo è il prezzo della guerra”.

La scelta del New York Times

Sulla scia di Haaretz, anche Il New York Times ha fatto una scelta molto forte. Ha deciso di mostrare nella sua homepage una sorta di slide-show che alterna le fotografie dei 67 bambini che hanno perso la vita nella Striscia di Gaza. A ogni foto è associata una brevissima descrizione di quell’azione che i bambini stavano facendo poco prima di morire: c’era chi era uscito per mangiare un gelato, chi invece stava consumando la cena con i propri genitori. Poche righe di racconti quotidiani, che fanno comprendere la dimensione familiare della tragedia.

Per molti bambini è stata il quarto conflitto 

"Essere un bambino nella Striscia di Gaza è sempre stato estremamente difficile, anche prima dell'escalation", sottolinea l'Unicef.  "Per molti bambini, questo è stato il quarto conflitto che hanno vissuto. Nessun posto è sicuro per i bambini nella Striscia di Gaza.  Prima dell'attuale ondata di violenze 1 bambino su 3 aveva bisogno di supporto perla salute mentale e psicosociale. Questo numero è senza dubbio aumentato negli ultimi giorni", continua, ribadendo la necessità di una pace duratura: "Per il bene di tutti i bambini e del loro futuro, è il momento di raggiungere una soluzione pacifica dilungo termine al conflitto che dura da sette decenni. Qualsiasi soluzione politica che sarà raggiunta non dovrebbe e non può essere quella di 'tornare a com'era prima' perché 'prima' era insopportabile e insostenibile per tutti i bambini".

 

La dodicenne Dina* ha la leucemia e non è stata in grado di ricevere cure al di fuori di Gaza da quando il coordinamento si è interrotto. "La mia malattia ha avuto gravi conseguenze sulla mia vita e non riesco a camminare sulle mie gambe. Ho pregato che mi amputassero gli arti. Israele dovrebbe revocare il blocco così da avere buone scuole e buoni ospedali e poter avere cure e posti carini dove giocare. E poter, quindi, vivere come gli altri bambini nel mondo" ha detto.

Ahmed*, 13 anni, è stato colpito alla gamba dalle schegge di un proiettile che è esploso e la sua richiesta di lasciare Gaza per un intervento ai nervi è stata respinta. “Uno dei giorni più difficili della mia vita è stato quando sono uscito dall'operazione e mi avevano preparato una sedia a rotelle. Mi chiedevo a cosa servisse la sedia. Mi hanno detto: "Ci siederai sopra e ci vivrai tutta la tua vita". Ho pianto, dal profondo del mio cuore ... Non posso lasciare Gaza perché hanno chiuso i posti di blocco. La mia gamba sta peggiorando e io sono preoccupato per questo" spiega Ahmed.

Save the Children sostiene trenta bambini che necessitano di cure mediche urgenti al di fuori di Gaza. Alcuni di questi sono stati feriti durante il conflitto o nelle proteste e hanno arti amputati, ferite da arma da fuoco o da schegge, gravi danni agli occhi e al sistema neurologico. Altri vivono con malattie debilitanti come cancro e patologie cardiache.

"Come può esserci una giustificazione in qualsiasi posto e momento per impedire ai bambini di ottenere cure salvavita? Questi minori gravemente malati devono lasciare Gaza per sopravvivere, semplicemente non c'è altra opzione. È crudele che i bambini muoiano o soffrano di un dolore estremo quando possono ricevere un trattamento appena oltre i posti di controllo. Ogni giorno che passa, la finestra per aiutare questi bambini si chiude ulteriormente”, dichiara Jeremy Stoner, direttore di Save the Children per il Medio Oriente.

Anche questo è “il prezzo della guerra”. E a pagarlo sono i più indifesi tra gli indifesi: i bambini. 

(* Nome modificato per motivi di protezione)