A due anni dalla sconfitta dell'Isis Blinken si congratula con i curdi siriani e iracheni

Il segretario di Stato americano: "La nostra missione è lungi dall'essere completata gli Stati Uniti sono fermamente impegnati nella Coalizione Globale e nella sconfitta duratura dell'Isis".

Antony Blinken

Antony Blinken

globalist 23 marzo 2021
Un bel segnale ma adesso servirebbero fatti, soprattutto per sostenere i curdo-siriani delle Ypg e Ykj dati da Trump in pasto ai jihadisti di Erdogan.
Il dipartimento di Stato americano ha ricordato i due anni dalla sconfitta dell'Isis e ha espresso particolare apprezzamento per i partner locali e per la Coalizione globale che hanno contribuito alla sconfitta.
In una nota della segreteria di stato si legge che la liberazione dall'Isis è stata una "pietra miliare", aggiungendo plauso e lode al "coraggio e al sacrificio delle forze di sicurezza irachene, dei Peshmerga curdi iracheni e delle forze democratiche siriane". 
Nell'incoraggiare i partner a continuare il lavoro comune, il Dipartimento di stato chiede un impegno nell'impedire la rinascita del terrorismo e nella stabilizzazione dell'area una volta sotto il controllo del califfato e che ora vede tornare ben 8 milioni di persone nelle loro case.
"La nostra missione è lungi dall'essere completata" spiega il portavoce di Blinken assicurando che gli "Stati Uniti sono fermamente impegnati nella Coalizione Globale e nella sconfitta duratura dell'Isis".