In Israele Netanyahu apre i "giochi" di guerra con Iran e Hezbollah

Per vincere le elezioni è disposto a tutto: in aperta sfida con il nuovo inquilino della Casa Bianca, rispolvera la linea “muscolare” condivisa con il grande amico e sodale Donald Trump.

Netanyahu

Netanyahu

Umberto De Giovannangeli 20 febbraio 2021

Per vincere le elezioni è disposto a tutto. Anche a pericolosi “giochi” di guerra con l’Iran e gli Hezbollah libanesi. Incorreggibile Netanyahu. Sdogana i razzisti di Kahane, impone le quarte elezioni anticipate in due anni, le prime in piena crisi pandemica. E in più, in aperta sfida con il nuovo inquilino della Casa Bianca, rispolvera la linea “muscolare” condivisa con il grande amico e sodale Donald Trump.

A farci da guida in questa nuova tappa del viaggio di Globalist nell’Israele verso il voto, il più autorevole analista militare israeliano, oltre che firma storica di Haaretz: Amos Harel.

Giochi di guerra

“Con le elezioni del 23 marzo e la battaglia contro la pandemia sullo sfondo – scrive Harel - il gabinetto e l'establishment della difesa sono occupati con il progetto nucleare dell'Iran - tra le relazioni fragili di Israele con l'amministrazione Biden - e il ping-pong di minacce nei confronti di Hezbollah nel nord. La sospirata telefonata di Joe Biden è finalmente arrivata mercoledì. Ma ci sono diverse lezioni nel fatto che il presidente ha fatto aspettare il primo ministro Benjamin Netanyahu per un mese. La nuova amministrazione sta lavorando in modo ordinato, parlando con i leader secondo l'importanza che attribuisce ad ogni regione. Nonostante la solida alleanza bilaterale, Washington non ha intenzione di lasciare che Netanyahu tagli la linea, soprattutto alla luce della sua profonda solidarietà con il Partito Repubblicano nell'ultimo decennio.

Le apparizioni televisive di entrambi gli uomini questa settimana sono state anche edificanti. Negli Stati Uniti, Biden ha tenuto un incontro in stile Town Hall in cui ha sottolineato il lavoro che la sua amministrazione, in contrasto con quella di Donald Trump, sta facendo per far vaccinare gli americani contro il coronavirus. Biden ha messo a segno un punto quanto a empatia, una qualità che mancava completamente a Trump. In Israele, in un'intervista all'emittente più seguita del paese, Channel 12, Netanyahu ha evitato di esprimere qualsiasi dispiacere o solidarietà con il dolore delle famiglie degli oltre 5.400 israeliani che sono morti di COvid-19. Era troppo occupato a celebrare il suo successo con la campagna di vaccinazione e a sostenere che la pandemia aveva colpito l'economia di Israele meno di quella di altri paesi. Gli sforzi dell'intervistatrice Yonit Levy per estrarre un po' di verità sono stati inutili. Netanyahu conosce la situazione. Nelle conversazioni private, lui e i suoi aiutanti si lamentano della freddezza della nuova amministrazione, dopo quattro anni idilliaci, dal loro punto di vista, con Trump. Il nuovo presidente e la sua squadra vogliono muoversi rapidamente per ripristinare l'accordo nucleare con l'Iran. Gerusalemme non è sicura dell'insistenza dell'amministrazione nel correggere le molte lacune e carenze dell'accordo da cui Trump si è ritirato nel 2018. Il risentimento verso Netanyahu dei collaboratori anziani di Biden, ex membri dell'amministrazione Obama, è evidente.

La nomina da parte di Netanyahu del consigliere per la sicurezza nazionale Meir Ben-Shabbat per coordinare i colloqui sull'Iran con gli Stati Uniti (come riportato dal sito Walla news) potrebbe riflettere la valutazione del primo ministro sulle possibilità di successo dei suoi negoziati con l'amministrazione. Ben-Shabbat, che ha trascorso la maggior parte della sua carriera nel servizio di sicurezza Shin Bet, non ha una storia di stretti legami con i democratici. Netanyahu potrebbe dirigersi deliberatamente verso una zona di attrito con gli americani sull'Iran.

È anche possibile che, insieme alla sua genuina preoccupazione per le relazioni con Biden, Netanyahu stia usando la situazione a suo vantaggio. Con l'Iran, come con la pandemia, in una certa misura, è Netanyahu che ha gettato una chiave inglese nei lavori. Allo stesso tempo, sta segnalando agli elettori che lui è l'unico che può sistemare le cose. La versione degli eventi di Netanyahu è che le relazioni con gli Stati Uniti sono fragili e solo lui con i suoi anni di esperienza può ripararle.

Una delle sfide affrontate dagli avversari di Netanyahu è la mancanza di una figura con un'esperienza paragonabile. Tra gli ex capi di stato maggiore dell'esercito, Moshe Ya'alon ha abbandonato la corsa, il ministro degli Esteri Gabi Ashkenazi è in uscita e il ministro della Difesa Benny Gantz traballa disperatamente sulla soglia elettorale (martedì sera, quando i telegiornali aprivano con le notizie di una drammatica riunione di gabinetto, Gantz veniva mostrato in una palestra a Rishon Letzion). Yair Lapid, Gideon Sa'ar e Naftali Bennett non hanno figure significative della sicurezza nelle loro liste del Knesset.

Metallo pesante

C'è preoccupazione nelle forze di difesa israeliane per uno dei passi compiuti dall'Iran come parte della sua decisione di violare apertamente l'accordo nucleare del 2015. Il mese scorso l'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica ha annunciato che l'Iran ha iniziato a produrre uranio metallico. Questa è una tappa importante in un processo il cui fine è la produzione di armi nucleari, anche se ha anche altri usi potenziali, come fare barre di combustibile per un reattore di ricerca.

Israele è consapevole che l'Iran considera le sue violazioni, compreso l'arricchimento dell'uranio a un livello del 20% e il funzionamento di centrifughe avanzate in un impianto sotterraneo, come ‘beni’ che costringeranno gli Stati Uniti a colloqui accelerati per un nuovo accordo. La fabbricazione dell'uranio metallico è un modo per acquisire know-how ed esperienza essenziali nel processo di fabbricazione delle armi nucleari. È considerata una tappa importante nella fabbricazione del nucleo di una bomba atomica, che viene poi adattato alla testata. L'Iran non si è impegnato a produrre il metallo dall'inizio degli anni '90 e aveva promesso di non farlo fino al 2030. Germania, Francia e Gran Bretagna, i tre stati europei firmatari dell'accordo, hanno detto di essere profondamente preoccupati per lo sviluppo e che Teheran non ha alcun uso civile del metallo di uranio. La questione è emersa di recente anche nei colloqui tra alti funzionari dell'intelligence israeliana e colleghi in Occidente.

L'Idf sta sottolineando che non c'è alcuna preoccupazione che l'Iran stia "correndo verso una bomba", cosa a cui i media ricorrono quasi sempre ogni volta che l'intelligence militare emette un parere complesso sul progetto nucleare. Tuttavia, è in corso un processo in cui l'Iran sta acquisendo esperienza e conoscenze pericolose in una sfera altamente problematica che fa scattare non poche luci rosse in Israele. Netanyahu non ne ha ancora parlato in pubblico, ma è probabile che ciò avvenga presto.

Nell'arena settentrionale, l'aviazione israeliana ha condotto questa settimana una simulazione di guerra su larga scala con Hezbollah. Il segretario generale dell'organizzazione, Hassan Nasrallah, ha tenuto un lungo discorso nel 13° anniversario dell'assassinio del capo militare di Hezbollah, Imad Mughniyeh, che l'organizzazione attribuisce a Israele. Nasrallah ha scelto di riferirsi alla valutazione annuale del MI, resa pubblica la settimana scorsa, che cita la possibilità che Israele e Hezbollah si impegnino in un giro limitato di ostilità per diversi ‘giorni di combattimento’.

Questo è un gioco pericoloso, ha avvertito Nasrallah, che rischia di trascinare Israele in una grande guerra in cui il fronte interno israeliano ‘vedrà le cose come non le ha mai viste prima’. Shimon Shapira, un esperto di Hezbollah del Jerusalem Center for Public Affairs, ha detto ad Haaretz che l'organizzazione vede la formula dei ‘giorni di combattimento’ come una soluzione conveniente per Israele, nel quadro della quale gli attacchi alle zone civili israeliane dal Libano saranno limitati. Secondo Shapira, Hezbollah sta facendo capire chiaramente che non giocherà secondo le regole di Israele.

L'Idf ha pubblicizzato ampiamente l’esercitazione aerea, come parte dell'equilibrio delle minacce di fronte a Hezbollah. Come parte dell'esercizio, è stata testata la capacità dell'Iaf  (le Forze aeree israeliane, ndr) di attaccare migliaia di obiettivi di Hezbollah in un breve periodo. Sullo sfondo ci sono attriti sull'attività dei droni israeliani nei cieli del Libano. Alla fine del mese scorso, Hezbollah ha sparato un missile antiaereo contro un drone israeliano, mancandolo. L'esercito presume che altri sforzi del genere siano in serbo, il che potrebbe portare a una serie di risposte reciproche e riscaldare il settore.

La tensione nel nord spicca in contrasto con la relativa calma nell'arena palestinese, per il momento. Le ragioni principali di questa calma sono due: le elezioni parlamentari, alle quali Hamas e l'Autorità Palestinese attribuiscono un'importanza notevole e sorprendente, e il proseguimento delle operazioni di riabilitazione nella Striscia di Gaza, in cui anche l'importazione di vaccini contro il coronavirus nei territori comincia ad avere un ruolo. Israele ha ritardato la decisione sui vaccini per Gaza, in parte a causa dello stallo nei negoziati sui Mia e sui prigionieri nella Striscia di Gaza, ma in questa materia non ci sarà scelta: ostacolare la consegna di vaccini di fabbricazione russa alla Striscia di Gaza sarebbe un crimine morale oltre che un atto di follia. Netanyahu sta mantenendo un basso profilo su questo argomento, come parte della sua campagna per corteggiare la destra, ma questa settimana è stata fatta un'importante svolta nella Striscia di Gaza. Un accordo, di cui Hamas non è ufficialmente partner, stabilisce che entro due anni e mezzo sarà installato un gasdotto per collegare Gaza con le riserve israeliane di gas naturale nel Mediterraneo. Il progetto, che sarà finanziato dal Qatar e dagli Emirati Arabi Uniti, permetterà di fornire gas israeliano alla centrale elettrica di Gaza, che sarà convertita da gasolio a gas naturale. L'intenzione è di arrivare a una fornitura di 500 megawatt di elettricità, che dovrebbe essere sufficiente a soddisfare la maggior parte del fabbisogno energetico della Striscia di Gaza.

L'inviato del Qatar nella regione, Mohammad al-Emadi, ha detto questa settimana che il coinvolgimento del paese del Golfo ha cambiato completamente la situazione nella Striscia di Gaza. Grazie ad esso, si è vantato, è stato costruito un ospedale e sono state potenziate le infrastrutture elettriche in un modo che non si vedeva a Gaza da 30 anni. E non meno importante, il coinvolgimento del Qatar ha impedito una nuova guerra nella Striscia di Gaza dall'operazione Protective Edge del 2014”.

Fin qui Harel

Il diktat di “Bibi”

Non si deve tornare a fare affari con l'Iran come se nulla fosse". A ribadirlo è stato lo stesso Netanyahu che incontrando a Gerusalemme il consigliere per la Sicurezza nazionale Usa Robert O'Brien (era il 13 dicembre scorso) si è riferito alla possibilità che la nuova amministrazione di Joe Biden possa rientrare nell'accordo sul nucleare con Teheran.

 Secondo il premier israeliano non si potrà cambiare atteggiamento "finché l'Iran continua a soggiogare e minacciare i suoi vicini, ad invocare la distruzione di Israele, a finanziare, equipaggiare e addestrare organizzazioni terroristiche nella regione e nel mondo, finché persiste nella sua pericolosa ricerca di armi nucleari". "Dovremmo essere tutti uniti per prevenire - ha concluso - questa minaccia principale per il mondo".

Una giornata col cerchio rosso è quella del 25 gennaio. A  Washington il neo presidente americano incontra Yossi Cohen, capo del Mossad, i servizi segreti israeliani. Il colloquio è stato organizzato per discutere delle aperture che Biden intende avviare nei confronti di Teheran. Netanyahu vuole evitare di non essere informato delle decisioni americane sull’Iran, come accadeva con il presidente Obama. Avendo però bruciato le relazioni con Obama e il suo vice Biden per il rapporto speciale con Trump, Netanyahu ha bisogno di un tramite per dialogare con la nuova amministrazione. 

Innanzitutto perché vuole continuare ad avere mano libera nel distruggere i depositi iraniani in Siria, dove sono immagazzinati i componenti per i missili telecomandati che l'Iran invia a Hezbollah in Libano. E poi per procurarsi i bombardieri e il via libera per colpire le centrali nucleari sotterranee iraniane, qualora Teheran superasse la soglia di arricchimento dell’uranio in modo da ottenere la bomba atomica. 

Di certo, le aperture diplomatiche di Biden e del neo segretario di Stato Binken a un possibile rientro degli Stati Uniti nel Gruppo 5+1.  Il presidente Usa intende giocare fino in fondo la carta diplomatica con Teheran. Una carta indigesta per Netanyahu.