Covid, in Germania cresce la copertura dei tamponi: da 160mila a due milioni a settimana

Organizzati da marzo veri e propri centri per i cittadini e medici di base: il modello tedesco ancora una volta vincente

Centri anti-Covid in Germania

Centri anti-Covid in Germania

globalist 24 novembre 2020

Da 160mila a settimana tamponi nel mese di marzo scorso, a due milioninello stesso arco temporale. Le telecamere di "Quarta Repubblica" sono andate a Berlino per far vedere come funziona il modello tedesco per combattere la seconda ondata di Covid.


I medici di famiglia hanno gli studi al piano terra, sono come delle piccole cliniche ed è proprio lì che i cittadini si recano per fare il tampone. "È importante che i medici di base facciano dei test tempestivi- spiega una dottoressa - perché se il risultato è positivo io chiamo ogni singolo paziente, gli spiego cosa deve fare e fino a quando deve stare in isolamento". 


 


"Mi hanno dato subito appuntamento per il giorno stesso - spiega invece un'italiana che vive a Berlino che si è rivolta al suo medico di base - e dopo circa due ore ho fatto il test per il coronavirus".


Ma non è finita qui perché oltre ai laboratori dei medici di base ci sono anche dei centri allestiti su tutto il territorio di Berlino, si chiamano "Testplatz" e i cittadini posso recarsi anche lì per sottoporsi ai test. 


 


Stessa organizzazione è stata prevista per la distribuzione del vaccino. In Germania già si sono organizzati e nella città di Berlino è stato messo a punto un piano che prevede sei punti di distribuzione.