La faccia tosta di Bolsonaro: "Il mio Governo protegge l'Amazzonia"

Bolsonaro ha ripudiato gli attacchi "ingiustificati" e "demagogici" che vengono lanciati contro le politiche ambientali del suo governo.

Bolsonaro

Bolsonaro

globalist 23 novembre 2020
esattamente come il suo corripsettivo Usa, anche il presidente brasiliano Bolsonaro ha l'incredibile capacità di mentire spudoratamente davanti a milioni di persone e a fronte di prove evidenti delle sue menzogne. Stavolta, Bolsonaro - parlando in teleconferenza al summit del G20 - a dichiarato che il suo governo "protegge" l'Amazzonia, respingendo quelle che ha definito "critiche ingiustificate". "Continueremo a proteggere la nostra Amazzonia, il nostro Pantanal. Contate sul mio Paese e sul mio popolo per rendere il mondo piu' sviluppato e sostenibile. Manteniamo l'impegno a preservare il nostro patrimonio ambientale e a perseguire lo sviluppo sostenibile", ha affermato il capo di Stato.
Il tono del discorso di Bolsonaro stavolta è apparso meno aggressivo di quello pronunciato a settembre in apertura dell'assemblea generale dell'Onu, quando negò la presenza di incendi nella foresta tropicale. Durante il suo intervento al G20, il presidente della Repubblica ha inoltre difeso l'agro-business brasiliano che, ha sostenuto, nutre 1,5 miliardi di persone in tutto il mondo e conserva intatta il 66% della superficie del suo Paese. Infine, senza nominare alcuna nazione in particolare, Bolsonaro ha ripudiato gli attacchi "ingiustificati" e "demagogici" che vengono lanciati contro le politiche ambientali del suo governo.