I vescovi Usa pensano a sanare i guasti dell'era Trump: "La lotta al razzismo sarà la priorità"

Nel dettaglio, i prelati hanno approvato il rinnovo del 'Comitato ad hoc contro il razzismo' che si dedica ad affrontare il peccato del razzismo.

Papa Francesco e l'arcivescovo di Baltimora William Lori

Papa Francesco e l'arcivescovo di Baltimora William Lori

globalist 19 novembre 2020
E’ arrivato il momento di pensare al dopo Trump e a risanare i guasti lasciati in eredità dall’amico di complottasti e suprematisti bianchi.
La conferenza dei Vescovi cattolici degli Stati Uniti ha chiuso la due giorni di Assemblea. Tra i temi in cima all'agenda, la lotta al razzismo. Nel dettaglio, i vescovi hanno approvato il rinnovo del 'Comitato ad hoc contro il razzismo' che si dedica ad affrontare il peccato del razzismo.
Alcuni vescovi hanno parlato "sull'ingiustizia razziale, dopo proteste e violenze avvenute dopo l'uccisione da parte della polizia di George Floyd a Minneapolis, a maggio. L'Arcivescovo William Lori di Baltimora - ragguaglia l'agenzia Fides - è stato tra i tanti che hanno descritto le sessioni di ascolto organizzate dalla Chiesa per i membri della comunità, per condividere le loro esperienze con il razzismo e le loro opinioni su come ridurlo".
"Queste conversazioni possono essere difficili, dolorose - ha detto monsignor Lori -. Molte persone non pensano di aver bisogno di queste conversazioni perché non si considerano razziste. La realtà è molto diversa".