Trump licenzia il capo della sicurezza informatica: aveva detto che "non c'erano prove di brogli"

Chris Krebs da settimane smentisce le frodi millantante da Trump e alla fine il presidente ha decios di rimuoverlo. Trump continua a sostenere di aver vinto le elezioni

Chris Krebs

Chris Krebs

globalist 18 novembre 2020
Nel suo delirio, Donald Trump sta anche stroncando carriere di professionisti che hano come unica colpa quella di guardare alla realtà dei fatti, ossia che il tycoon ha clamorosamente perso le elezioni. Il nuovo siluro fatto partire da Trump è per Chris Krebs, responsabile della sicurezza informatica presso il Dipartimento per la sicurezza interna, che è ha supervisionato le elezioni presidenziali e le eventuali ingluenze straniere. Krebs ha la 'colpa' di aver dichiarato che non c'è nessuna prova delle frodi millantate da Trump. 
"La recente dichiarazione di Chris Krebs sulla sicurezza delle elezioni del 2020 è stata profondamente inesatta in quanto ci sono state massicce irregolarità e frodi - comprese persone morte che hanno votato, osservatori non ammessi ai seggi, errori di sistema nelle macchine elettorali che hanno trasferito voti da Trump a Biden, voti in ritardo e molto altri", ha scritto Trump ieri su Twitter, aggiungendo che "pertanto, con effetto immediato, Chris Krebs è stato licenziato da direttore della Cybersecurity and Infrastructure Security Agency". 
Krebs sul suo account Twitter personale ha scritto: 'onorato di servire. Abbiamo fatto bene, difendere oggi, assicurare domani'. Nelle ultime settimane aveva ripetutamente affermato che le elezioni presidenziali erano state protette da manomissioni o brogli e, sebbene non avesse mai menzionato Trump, aveva confutato apertamente la disinformazione sui risultati che erano stati condivisi dal presidente e da alcuni conservatori, che non hanno riconosciuto la vittoria elettorale del presidente eletto, Joe Biden.
In qualità di primo direttore della Cybersecurity and Infrastructure Security Agency recentemente istituita, Krebs e' diventato il volto pubblico degli sforzi per assicurare la sicurezza delle elezioni federali ed era una tra le poche persone incaricate da Trump a godere del sostegno bipartisan al Congresso. I legislatori di entrambe le parti lo consideravano apolitico e un mediatore onesto che a volte presentava avvertimenti urgenti ma necessari sulle minacce per le infrastrutture elettorali del Paese.
Krebs aveva detto a colleghi e collaboratori al di fuori del Governo nelle ultime settimane che si aspettava di essere licenziato da Trump a causa dei suoi sforzi per correggere le affermazioni infondate del presidente e dei suoi alleati sull'elezione, hanno riferito alcune fonti. Non gli è stato dato alcun preavviso sul suo licenziamento prima del tweet di Trump, ha detto un'altra fonte e i suoi colleghi si aspettavano che il presidente si astenesse dalla decisione perché alcuni assistenti della Casa Bianca credevano che ciò avrebbe reso Krebs in un martire, ha aggiunto.
Krebs è stato elogiato da funzionari elettorali locali e statali, che gli hanno attribuito il merito di aver migliorato il loro rapporto un tempo teso con le autorità federali. Ha anche supervisionato gli sforzi federali sulla sicurezza informatica per proteggere una serie di altre infrastrutture critiche degli Stati Uniti, comprese le telecomunicazioni, i reattori nucleari, le banche e le utility elettriche.
Il suo licenziamento si aggiunge a una serie di altri licenziamenti e cambi di personale in tutto l'apparato di sicurezza nazionale dell'amministrazione Trump dopo le elezioni. Il presidente ha infatti licenziato il segretario alla Difesa Mark Esper e ha assegnato a una manciata di lealisti incarichi di alto livello presso il Pentagono e la National Security Agency. Bryan Ware, l'assistente per la sicurezza informatica al Cisa, si è dimesso per volere della Casa Bianca, secondo persone che hanno familiarità con la questione.
'Licenziando Krebs per aver semplicemente svolto il suo lavoro, il presidente Trump sta infliggendo gravi danni a tutti gli americani - che fanno affidamento sulle difese del Cisa, anche se non lo sanno', a detto il senatore Angus King, un indipendente del Maine che è nel caucus con i democratici. 'Se c'è un lato positivo in questa decisione ingiusta, è questo: spero che il presidente eletto Biden riconoscerà i contributi di Chris e si consulterà con lui mentre l'amministrazione Biden traccerà il futuro di questa agenzia di fondamentale importanza' ha aggiunto.
Alcuni repubblicani hanno difeso Krebs. Il senatore Richard Burr, un repubblicano di alto livello nella Commissione Intelligence del Senato, lo ha definito un 'dipendente pubblico dedito che ha svolto un lavoro straordinario in un periodo difficile'. E il senatore Ben Sasse ha aggiunto che 'ovviamente non dovrebbe essere licenziato'.
Un portavoce di Biden, Michael Gwin, ha dichiarato che 'Chris Krebs dovrebbe essere lodato per il suo servizio nel proteggere le nostre elezioni, non licenziato per aver detto la verità'.
Il posto di Krebs al timone dell'agenzia è diventato più in bilico con l'avvicinarsi delle elezioni, poiché ha esortatola popolazione a essere paziente riguardo al conteggio dei voti, a causa del massiccio aumento del voto per corrispondenza durante la pandemia. In tal modo, Krebs ha tacitamente confutato le affermazioni infondate di Trump secondo cui il voto per posta avrebbe portato a frodi diffuse e che la corsa avrebbe dovuto terminare la notte delle elezioni.
Nelle ultime settimane l'agenzia ha creato un sito web di 'controllo delle voci' per reprimere la disinformazione e le teorie del complotto sulle elezioni. Alcuni dei contenuti del sito hanno agitato i funzionari della Casa Bianca, che hanno chiesto, senza successo, che il Cisa modificasse il materiale, hanno detto alcune fonti.
Le battaglie con la Casa Bianca sono antecedenti rispetto alle recenti azioni di Krebs, hanno aggiunto. All'inizio della pandemia di coronavirus, gli assistenti si sono agitati con Krebs per aver permesso alla sua agenzia di condividere informazioni che spiegavano come funzionava il processo di voto per posta descrivendolo come un metodo affidabile di voto, anche se Trump aveva ripetutamente criticato l'uso di schede per corrispondenza.
Negli ultimi giorni sul suo account Twitter del Governo, Krebs ha contraddetto di più il presidente, anche ricondividendo un tweet di un esperto elettorale che esortava le persone a non amplificare la disinformazione elettorale condivisa da Trump.