Biden, primo "miracolo" in Terrasanta: i palestinesi tornano a negoziare con Israele

Il deterioramento delle relazioni tra Israele e l'Anp è il risultato della netta preferenza di Trump per il governo Netanyahu durante i quasi quattro anni di presidenza. Ora può cambiare la musica

Joe Biden

Joe Biden

Umberto De Giovannangeli 18 novembre 2020

Il primo “miracolo” di Biden in Terrasanta: L’Autorità nazionale palestinese ha annunciato che ristabilirà il coordinamento con Israele in materia di sicurezza. 


“Il deterioramento delle relazioni tra Israele e l'Anp  - rimarca l’analista israeliano Amos Harel - è stato il risultato della netta preferenza di Donald Trump per il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu durante i quasi quattro anni di presidenza. Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha gradualmente tagliato i legami con gli Stati Uniti e Israele in risposta alle azioni americane e israeliane. Le cose hanno raggiunto il culmine quest'anno con la pubblicazione del piano di pace per il Medio Oriente di Trump a gennaio e la promozione dell'annessione degli insediamenti da parte di Netanyahu a maggio. Quel piano che è stato accantonato durante l'estate con il pretesto che così facendo si è spianata la strada agli accordi di normalizzazione con gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein”.


L’Anp ha smesso di accettare il pagamento da parte di Israele delle entrate fiscali riscosse dallo Stato ebraico - l'importo attualmente ammonta a circa 742 milioni di dollari - dopo che Israele ha proibito il pagamento dell'Anp  ai prigionieri palestinesi per la sicurezza incarcerati in Israele.


A maggio, Abbas ha chiuso tutti i canali ufficiali di sicurezza e di cooperazione civile con Israele. Sono state ideate delle soluzioni e le comunicazioni sono rimaste aperte per le emergenze, come l'estrazione di israeliani che sono entrati per errore nelle zone controllate dall'Anp in Cisgiordania. Ma a parte queste eccezioni, il coordinamento è stato sospeso e negli ultimi mesi ci sono stati pochi incontri tra le parti.


È stata l’Anp  a pagare il prezzo più alto della rottura: i pagamenti che ha rifiutato sono  infatti necessari per alleviare le gravi difficoltà economiche in Cisgiordania, che la pandemia di coronavirus ha solo aggravato. La ricezione dei fondi dovrebbe seguire il rinnovo del coordinamento Il rinnovo del coordinamento rileva Harel - avrà probabilmente un effetto negativo sugli sforzi di riconciliazione tra l'Anp e Hamas, perché potrebbe portare a una ripresa degli arresti degli attivisti di Hamas in Cisgiordania”. 


Ammissione di sconfitta


“L’'annuncio fatto martedì dall'Autorità nazionale palestinese, di rinnovare il coordinamento civile e di sicurezza con Israele, è un'ammissione del fatto che le sue politiche dell'anno scorso sono fallite – annota Jack Khoury, che per Haaretz segue quotidianamente le vicende interne al campo palestinese -  È un altro messaggio all'opinione pubblica palestinese e alla comunità internazionale che la leadership palestinese non ha una strategia chiara. Come previsto, l'opinione pubblica palestinese ha accolto con indifferenza l'annuncio di Hussein al-Sheikh, ministro palestinese degli Affari civili e membro della cerchia ristretta del presidente palestinese Mahmoud Abbas. Al-Sheikh ha cercato di presentare la mossa come una vittoria palestinese che segue gli enormi sforzi di Abbas negli ambienti internazionali, e ha affermato che l'Anp aveva ricevuto un documento da Israele che si impegnava a rispettare tutti i suoi accordi passati. Ma questa spiegazione non ha suscitato alcun applauso. La mossa era attesa negli ambienti politici e diplomatici di Ramallah, data la pressione economica e politica cui l'Anp è stata sottoposta da quando è stato detratto un importo equivalente ai pagamenti ai prigionieri detenuti in Israele e alle loro famiglie dalle tasse che Israele riscuote per l'Anp  e che versa a Ramallah.


Il governo palestinese si è rifiutato di accettare il denaro a causa delle detrazioni, e a maggio Abbas ha annunciato la cessazione del coordinamento con Israele e Washington in seguito all'intenzione del primo ministro Benjamin Netanyahu di annettere gli insediamenti in Cisgiordania e alla presentazione del piano in Medio Oriente del presidente americano Donald Trump. Con la cessazione degli aiuti americani all'Anp e senza le entrate fiscali, Ramallah ha avuto poche possibilità di finanziamento. Lo scoppio della pandemia di coronavirus e il rigido blocco dell'Anp in primavera e in estate non hanno fatto altro che aggravare la situazione. Per molti mesi, decine di funzionari palestinesi hanno ricevuto solo metà del loro stipendio, e ricevere uno stipendio è diventata una questione chiave per la maggior parte dei palestinesi. Senza reddito di smaltimento non ci può essere commercio, e senza commercio non c'è aria economica da respirare. Le dichiarazioni di Abbas, del Primo Ministro palestinese Mohammad Shtayyeh e di altri alti funzionari dell'Anp che non intendono rinunciare alla loro posizione non sono state sostenute da misure diplomatiche o economiche di concerto con la comunità internazionale o con i Paesi arabi. Il mondo era troppo impegnato con la pandemia, o forse si era disperato per la questione palestinese alla luce della partnership tra Trump e Netanyahu. La maggior parte dei paesi sono stati preoccupati per le loro crisi interne, mentre i paesi arabi ricchi, come gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein, hanno annunciato la normalizzazione dei legami con Israele - con l'Arabia Saudita che ha appoggiato il movimento o ha chiuso un occhio su di esso, e con la benedizione dell'Egitto. Il tentativo palestinese di convincere la Lega Araba a condannare gli accordi è fallito, per cui sono rimasti soli sul campo di battaglia.


Considerando la situazione, Abbas e la leadership dell'AP hanno fatto la mossa giusta e si sono rivolti verso l'interno. Nelle ultime settimane hanno dato prova di vero coraggio, e gli alti funzionari di Fatah e Hamas sono stati fotografati insieme a Istanbul, Beirut, Doha e persino Damasco. Qualche giorno fa una delegazione di Fatah di Ramallah, guidata da Jibril Rajoub, si è recata al Cairo per continuare i colloqui con un gruppo di alti funzionari di Hamas, guidati da Saleh al-Arouri, per discutere dello svolgimento delle elezioni presidenziali e parlamentari. Ma a Ramallah e a Gaza si è capito che la mossa non avrebbe dato frutti in tempi brevi, se non addirittura in tempi brevi, e che la reciproca mancanza di fiducia non sarebbe scomparsa in questi vertici, ma solo quando entrambe le parti hanno preso la decisione strategica di unirsi. Nel frattempo, tale decisione non è in via di definizione a causa del desiderio di ciascuna organizzazione di rimanere al potere nel proprio territorio.
In mancanza di un tale orizzonte, l'Anp è convinta che Hamas stia lavorando sulle proprie mosse nei confronti di Israele, incoraggiata dal Qatar e forse anche dall'Egitto. La riconciliazione non è quindi in cima alle sue priorità. In queste circostanze, tutto quello che l'Anp potrebbe fare è cercare una via di ritorno ai negoziati con Israele utilizzando i collaudati strumenti di coordinamento della sicurezza e di trasferimento di denaro, e anticipando alcuni progressi diplomatici, come è avvenuto un quarto di secolo fa. I palestinesi hanno chiesto a Israele una dichiarazione d'intenti firmata, e l'hanno ottenuta dal coordinatore delle attività governative nei Territori, il maggiore generale Kamil Abu Rokon. Hanno fatto in modo di ricevere il documento il 17 novembre, appena due giorni dopo che i palestinesi hanno celebrato il loro Giorno dell'Indipendenza, dichiarato da Yasser Arafat in Algeria nel 1988, e alla vigilia della visita del segretario di Stato americano Mike Pompeo in Israele, durante la quale visiterà anche l'insediamento di Psagot in Cisgiordania.”.


Amara è la conclusione di Khoury:“Nel 1988, i palestinesi piansero con entusiasmo. Oggi, stanno piangendo per lo strisciare”.