Il dibattito lo vince Biden ma la stampa statunitense è unanime: "È stato il caos"

Per la Cnn il 60% dei telespettatori avrebbe gradito il candidato democratico. Le prossima sfida televisiva il 7 ottobre

Trump e Biden

Trump e Biden

globalist 30 settembre 2020
Sentenza unanime quella della stampa americana dopo il primo confronto televisivo tra l presidente Donald Trump e il candidato democratico Joe Biden. Per la maggior parte dei media, infatti, il vero vincitore della serata è stato “il caos”. Colpa di Trump che ha continuamente interrotto il suo rivale, colpa di Biden che non ha saputo far altro che sottolineare gli errori e l’inadeguatezza del primo e colpa anche del mediatore, Chris Wallace (di Fox News), probabilmente attonito di fronte al comportamento dei due candidati e incapace di far rispettare l’ordine nel dibattito.

Per la Cnn, che definisce “rancoroso e caotico” il dibattito, alla fine della serata riderebbe solo Biden: per l’emittente televisiva 6 telespettatori su 10 hanno apprezzato il modo in cui si è posto il candidato democratico. In un’analisi fatta, la Cnn addirittura arriva a sostenere come l’unico vincitore della notte sia stata la Cina, al centro della discussione per volontà dei due candidati. Secondo la Cnn lo spettacolo indecoroso offerto dai protagonisti è stato un “regalo per i critici della democrazia”.


Anche il New York Times definisce nello stesso modo l’andamento della serata. Il quotidiano ha anche valutato singolarmente le dichiarazioni dei due sfidanti attraverso un facht checking in tempo reale. Per esempio, falso sarebbe quanto affermato da Biden riguardo al deficit che gli Stati Uniti hanno con la Cina, ma vera è la sua presa di posizione in difesa dell’utilizzo delle mascherine che “se utilizzate da qui a gennaio salverebbero 100mila vite” dal coronavirus. 
Il Washington Post, invece, sulla sua pagina online titola con il comportamento assunto da Trump durante l’intera serata, “immergendola in un litigio ardente” mentre Biden lo accusava di aver diviso gli Stati Unti durante questi quattro anni. Il quotidiano della capitale accusa anche il presidente di aver dato vita al “peggior dibattito della storia”.