Israele, così Bibi ha perso la battaglia contro il virus: viaggio in un paese lacerato e impaurito

Un Paese traumatizzato dal secondo lockdown, impaurito per un futuro segnato da una gravissima crisi sociale ed economica, Netanyahu parla dell'accordo con il Bahrein

Benjamin Netanyahu

Benjamin Netanyahu

Umberto De Giovannangeli 12 settembre 2020

Un Paese traumatizzato dal secondo lockdown, impaurito per un futuro segnato da una gravissima crisi sociale ed economica, assiste dai teleschermi alla nuova performance diplomatico di un primo ministro che appare distante anni luce dalle paure della gente d’Israele. annunciato il premier Benjamin Netanyahu in un videomessaggio ai cittadini dello Stato ebraico.


"Sono emozionato nell'informarvi che abbiamo raggiunto un altro accordo di pace con un altro Stato arabo, il Bahrein", annuncia Benjamin Netanyahu in un videomessaggio ai cittadini dello Stato ebraico . Questo è il quarto Stato arabo, dopo Egitto, Giordania ed Emirati arabi a raggiungere la pace con Israele.  a Una "giusta, ampia e duratura soluzione del conflitto israelo-palestinese per consentire al popolo palestinese di realizzare il suo pieno potenziale". E' l'impegno sottolineato da Israele, Bahrein e Stati Uniti, nella dichiarazione congiunta con la quale è stata annunciato l'accordo "storico" che porta all'istituzione di "pieni relazioni diplomatiche".


Distanza siderale


In altri tempi, questo annuncio avrebbe scatenato dibattiti, conquistato i titoli di prima pagina di giornali, siti, canali televisivi. In altri tempi, questo “storico” accordo col Barhein, che poi vuol dire con l’Arabia Saudita visto che il piccolo ma ricchissimo emirato è ormai da tempo un satellite obbediente di Riad, avrebbe fatto schizzare in alto gli indici di popolarità di “King Bibi”.


Ma questi, per Israele, non sono tempi normali. Sono tempi straordinari, in negativo. E non perché bussi alle porte una nuova guerra con un mondo arabo che di fare guerra a Israele oggi non ci pensa proprio (e il discorso può essere allargato anche a Paesi non arabi ma che nella regione hanno una influenza cruciale, come l’Iran e la Turchia), né perché vi siano avvisaglie di una terza intifada palestinese. Stavolta, la paura viene dall’interno, provocata da un virus e dalla incapacità dimostrata dal governo guidato da Netanyahu nel farne fronte.


Il governo ha deciso il blocco totale per due settimane, coincide con le festività più importanti nel calendario ebraico, fino a Yom Kippur.  Le scuole e tutte le attività commerciali devono chiudere (tranne supermercati e farmacie), i ristoranti possono restare aperti per il take-away, gli spostamenti sono limitati a 500 metri dall’abitazione. 
Dopo questa prima fase ne sono previste altre due, con limitazioni graduate in base all’andamento dei contagi. 

Per settimane i ministri hanno discusso se approvare il piano a semafori definito da Ronni Gamzu. Il medico incaricato di coordinare le operazioni anti-Covid 19 proponeva di chiudere solo le città rosse (le altre identificate come gialle e verdi) dove la diffusione del virus è ormai fuori controllo. Il problema è che queste 30 zone sono a maggioranza ultraortodossa o a maggioranza araba. “Quelli che se ne fregano dello Stato e quelli di cui lo Stato se ne frega”, ha commentato qualcuno. I partiti ultraortodossi fanno parte della coalizione e hanno minacciato il Netanyahu di fargli saltare il governo, se avesse imposto una chiusura mirata alla comunità. I rabbini si sono ribellati fin dai primi giorni dell’epidemia a qualunque regola che limitasse lo studio nelle scuole religiose o gli assembramenti dei fedeli. I leader ultraortodossi non sono contenti neppure della chiusura totale che colpisce anche le sinagoghe. 


Viaggio in una comunità lacerata


Globalist è entrato nelle paure d’Israele attraverso due grandi firme del giornalismo israeliano, di diverso orientamento politico: Anshell Pfeffer, analista di punta di Haaretz, il quotidiano progressista di Tel Aviv, nonché corrispondente da Israele dell’Economist, e Yaakov Katz, firma storica del Jerusalem Post, quotidiano vicino alla destra. 


“All'inizio di febbraio -  esordisce Pfeffer -  quando è diventato chiaro che la pandemia Covid-19 non avrebbe risparmiato nessun Paese, il governo israeliano ha nominato una task-force di esperti di sanità pubblica, accademici di diversi settori rilevanti, alti funzionari del governo e della sicurezza e rappresentanti del settore tecnologico. Nel giro di settimane, la task-force ha formulato una serie di raccomandazioni che il governo ha rapidamente emanato. Israele è stato messo in isolamento, su misura per le particolari circostanze della sua società e delle varie comunità, mentre sono state create strutture regionali di test ad alta capacità e un sistema nazionale di tracciamento dei contatti, utilizzando soluzioni ad alta tecnologia ideate dal settore privato e implementate con le risorse logistiche dell'Idf (le Forze armate israeliane,ndr)..


La prima ondata di infezioni da coronavirus è stata contenuta dal blocco. Mentre gli israeliani sono emersi con cautela, rispettando la strategia di uscita preparata dalla task-force, c'era un'infrastruttura in atto per individuare e prevenire un secondo focolaio di infezioni, mentre il mondo attendeva un vaccino, che probabilmente sarebbe stato sviluppato in Israele.  Ha senso, no? Israele è la Nazione Start-Up, dopo tutto.


Il piccolo ma intelligente Paese, dove i giovani brillanti innovatori passano senza soluzione di continuità dal servizio militare in unità d'élite della cyberguerra alle start-up che vengono poi acquisite da Google o Apple per un bel miliardo di dollari. Voglio dire, questa è la storia che Israele ha raccontato al mondo negli ultimi 20 anni. Non serve nemmeno il senno di poi per arrivare a questo scenario: c'erano un sacco di persone che dicevano al governo, sia in pubblico che in privato, che questo era proprio quello che andava fatto”.


Il “Re “è nudo


Secondo quanto rilevato da un sondaggio pubblicato da Israel ha-Yom, giornale molto vicino a Netanyahu, il 59%degli intervistati ritiene la sua gestione della crisi sanitaria “non buona” o “pessima”, mentre il 54 per cento ha criticato il comportamento del governo in campo economico. 


“Il crollo di Netanyahu nell'opinione pubblica è drammatico – rileva Pfeffer - . Il primo ministro riceve un voto negativo nella gestione della crisi del coronavirus. La sua nudità di leader è visibile a tutti gli occhi. Il tasso di infezione è di 4.000 nuovi casi al giorno, gli ospedali sono vicini a essere sommersi da pazienti gravemente malati, e l'unica cosa che attualmente mantiene relativamente basso il numero di morti è la bassa età media della popolazione israeliana e il coraggioso lavoro delle squadre mediche esauste in prima linea.


Dopo sette mesi di crisi, ci sono finalmente un numero sufficiente di esami giornalieri, ma non sono ancora facilmente accessibili e i risultati non sono abbastanza rapidi. Dopo che il ministero della Sanità ha insistito per sei mesi per controllare la rintracciabilità dei contatti, la responsabilità è stata finalmente passata all'Idf, che solo ora chiede aiuto alle aziende private, e dice che sarà pronta, al più presto, a novembre.


Guardando al passato, tutto questo è terribilmente prevedibile. Infatti, se siamo onesti con noi stessi, l'Israele colpita dalla Covid ha molto più senso della Nazione Start-Up.


Perché  - spiega Pfeffer - Israele nel 2020 è un fragile insieme di comunità profondamente divise e ostili, costantemente sospettose l'una dell'altra e prive di qualsiasi fiducia che un primo ministro che lotta per la propria sopravvivenza personale prenda decisioni basate sull'interesse nazionale. Una task-force nazionale che formula raccomandazioni professionali e un governo che basa la sua politica su di esse non hanno senso quando il primo ministro Benjamin Netanyahu concentra tutto il potere nella sua piccola cerchia di sicofanti. Non ha senso quando l'intera strategia del primo ministro per tenersi fuori dai tribunali (e potenzialmente dal carcere) sta attaccando e degradando la stessa funzione pubblica che deve essere focalizzata sulla risposta di Israele al coronavirus.


Non ha senso quando il primo ministro sta approfondendo e sfruttando le divisioni della società israeliana, distruggendo così ogni brandello di fiducia che rimane nelle linee guida del governo in continuo cambiamento. Non mancano in Israele le buone idee, le risorse, l'innovazione, la tecnologia e le persone di talento e di ottime intenzioni. Di fronte a una pandemia globale, tutto questo finisce per contare molto poco senza un governo ricettivo, o una società con la minima coesione per sostenere politiche che si applichino a tutti.


Non ha senso incolpare la comunità Haredi per aver insistito affinché i suoi shulul e yeshiva rimanessero aperti, la comunità  araba per aver tenuto ancora i suoi 1000 matrimoni di ospiti e i manifestanti fuori dalla residenza del primo ministro in  Street. Balfour. Perché dovrebbero essere più responsabili dei loro leader? In effetti, non ha molto senso dare la colpa a Netanyahu. Sappiamo chi è e come opera, e alla fine l'elettorato israeliano lo ha messo dove si trova.  Ma non basta chiedersi perché Israele ha perso la testa così completamente nel 2020. È il momento di rivisitare la narrazione della Nazione Start-Up e di interrogarsi su quali parti di essa fossero un mito. Una storia che ci siamo raccontati che non sempre coincideva con la realtà, e che quindi ha contribuito all'autocompiacimento che è stata la nostra caduta contro Covid-19... Con Israele di nuovo in isolamento, è il momento di ritirare il marchio Start-Up Nation - o, almeno, di concedergli un anno sabbatico. L'autocompiacimento suona vuoto nell’ Israele del 2020. Suona più come un'arroganza. Quando viene messo alla prova, si scopre che Israele ha un sacco di start-up di successo, che semplicemente non incarnano particolarmente la nazione  o il suo leader”, conclude Pfeffer.


Governo al capolinea


Da un fronte opposto, anche Yaakov Katz arriva alle stese conclusioni: “È ora di ammettere che semplicemente non funziona. Questo governo è un fallimento. È così semplice. – annota - Non c'è altro modo per dirlo. Ogni decisione è politicizzata; tutto è trasformato in un gioco. Se la vita delle persone non fosse a rischio, potremmo ignorare ciò che sta accadendo, respingerla e fingere che tutto vada bene. Ma con il tasso di infezione di Israele che è sbalorditivo - giovedì è salito a quasi 4.000 infezioni in un giorno - tutto questo deve finire. In breve, questo governo deve andare a casa. Istituito per combattere il coronavirus, questo governo non ha fatto nulla. Invece, ha combattuto contro se stesso fin dall'inizio. E la scritta era sul muro. Benjamin Netanyahu è nel bel mezzo di un processo penale, e rischia una lunga pena detentiva se condannato per corruzione, frode e violazione della fiducia, e l'unica vera priorità che ha in questo momento è lottare per la sua innocenza - a tutti i costi. Tutto il resto non è importante. A novembre, quando il primo ministro è stato incriminato, ho scritto: ‘Per quanto Netanyahu abbia talento, non può andare in tribunale la mattina e lottare per la sua libertà, e poi tornare in ufficio nel pomeriggio per convocare il gabinetto di sicurezza e approvare gli attacchi aerei contro gli obiettivi iraniani in Siria’. Il primo ministro sarà distratto, disorientato e incapace di svolgere correttamente i suoi compiti. Dall’'inizio di questa crisi sanitaria, sette mesi fa, abbiamo visto che ogni decisione che Netanyahu prende è macchiata e motivata da ciò che è buono per lui personalmente, e non per il Paese.


Non c'è nemmeno bisogno di andare così indietro nel tempo. Basta guardare la lotta del mese scorso sul budget. Il leader del governo aveva originariamente firmato l'accordo di coalizione dicendo che avrebbe approvato un budget di due anni. Ma quando la scadenza si è avvicinata, si è tirato indietro, sostenendo che sarebbe stato d'accordo solo se Kahol Lavan (Blu e Bianco, ndr) avesse rinunciato al suo diritto di veto sulla nomina di un nuovo capo della polizia, del procuratore generale e del pubblico ministero. Gantz (leader di Blu e Bianco, attuale ministro della Difesa e futuro premier nell’accordo staffetta con Netanyahu, ndr) ha rifiutato e Netanyahu ha reagito lasciando il Paese senza un budget in una delle peggiori crisi economiche che abbia mai conosciuto.


Poi c'è stato il fiasco della chiusura delle città ‘rosse’ di Israele. Il governo ha deciso giovedì scorso di imporre la chiusura di una trentina di città - per lo più arabe e haredi (ultra-ortodosse) - dove i numeri dell'infezione rimangono fuori controllo. La decisione doveva entrare in vigore lunedì sera.


Ma poche ore prima, Netanyahu è stato messo sotto pressione dai suoi ultimi fedeli partner della coalizione dei veterani - i partiti haredi. Hanno chiarito che se avesse chiuso le loro città - come se si fosse trattato di una vendetta personale - Netanyahu avrebbe pagato un prezzo politico. Netanyahu si è arreso, e improvvisamente un blocco è diventato un coprifuoco, e il coprifuoco è diventato una restrizione casuale e confusa. Quindi, quando i matrimoni di massa si sono poi tenuti martedì sera, senza rispettare le restrizioni, nelle comunità haredi e arabe, qualcuno avrebbe dovuto essere davvero sorpreso?


Non è stata la prima volta  - rimarca ancora l’analista del Jerusalem Post - che il governo ha fatto un passo indietro su decisioni che hanno avuto un impatto sull'intera nazione. E poi c'è la cerimonia della firma a Washington la prossima settimana dell'accordo con gli Emirati Arabi Uniti, una pietra miliare storica per Israele che segna l'instaurazione di legami normalizzati con un potente Stato del Golfo. Ma in quale mondo Netanyahu pensa che abbia senso per lui volare per quattro giorni negli Stati Uniti? Che abbia senso per lui lasciare il Paese quando ci sono 4.000 nuove infezioni ogni giorno e ci troviamo di fronte a un mese di isolamento? Anche questi non sono quattro giorni qualsiasi. Il prossimo venerdì sera è il Rosh Hashanah, il Capodanno ebraico e una delle festività più importanti del calendario ebraico. Con Netanyahu a Washington, ci sono poche possibilità che venga presa una decisione sull'isolamento o sulle restrizioni per la festività - non vorrebbe dichiarare tali restrizioni per mettere in ombra la sua foto-op celebrativa alla Casa Bianca.


Quindi, cosa succederà? A giudicare dalla disfunzionalità dimostrata fino ad ora da questo governo, quando Netanyahu tornerà in Israele mercoledì pomeriggio, inizierà a tenere riunioni, e venerdì mattina, se siamo fortunati, scopriremo cosa ci è permesso fare durante le vacanze - che iniziano quella sera.... Israele è in una crisi senza precedenti, e questo governo non funziona. È ora che liberi il campo”.


E non saranno gli “storici” accordi con gli Emirati Arabi e il Bahrein a risollevare le sorti di un governo che non ha saputo condurre con decisione e coerenza la battaglia contro il Covid-19.


(ha collaborato da Gerusalemme Cesare Pavoncello)