Israele, il "popolo di Bibi Netanyahu" in rivolta: "È tempo che si faccia da parte"

Sei testimonianze di partecipanti alla grande manifestazione contro Netanyahu, di sei persone di destra che si dicono deluse dal Presidente

Israel Protest

Israel Protest

globalist 1 agosto 2020

No, stavolta “Bibi” ha fatto cilecca. Il gioco che più gli è riuscito nella sua lunga vita politica – demonizzare gli avversari - stavolta  si è rivelato un boomerang per il Primo ministro  più longevo nella storia d’Israele. Ci sia permesso un suggerimento: consigliamo la lettura di questo articolo soprattutto ai leoni della tastiera che sentenziano a prescindere.


Benjamin Netanyahu li ha liquidati come “anarchici" e "sinistrorsi" che odiano il loro Paese. Il loro numero si è moltiplicato di protesta in protesta, ma il premier e i suoi sostenitori continuano a insistere sul fatto che sono un fenomeno marginale, membri di una piccola cricca di élite ashkenazite che non hanno ancora accettato che non governino più il Paese.


È vero che la stragrande maggioranza dei partecipanti alle proteste anti-Netanyahu delle ultime settimane probabilmente non ha votato per il suo partito del Likud o per qualsiasi altro partito di destra. Ma non sono solo gli irriducibili della sinistra a scendere in piazza in questi giorni. Haaretz, il giornale progressista israeliano, ha parlato con sei manifestanti che di recente si sono uniti alle manifestazioni e che sicuramente non si adattano a quello stampo. Ecco, nelle loro parole, i motivi che li hanno spinti a rivoltarsi contro il primo ministro. Globalist offre ai lettori questo eccezionale documento-verità.


La figura paterna non c'è più


Liat Rotner, 33 anni, aveva esitato ad unirsi alle proteste, "perché pensavo che fossero solo per la sinistra,  e io non sono certo una di sinistra", dice. "Non sostengo la sinistra sulle questioni di sicurezza, e sicuramente non mi considero parte della bolla di Tel Aviv". In effetti, l'ultima manifestazione a cui ha partecipato è stata organizzata da gruppi di destra per protestare contro il ritiro israeliano dalle alture del Golan; all'epoca era un'adolescente. Autrice di successo -  ha pubblicato più di 21 romanzi per giovani adulti (il suo primo a 15 anni), la Rotner dice di aver votato il Likud, ma di aver smesso di votarlo circa cinque anni fa. "Ora sono completamente apolitica", afferma. Finora, però, aveva ammirato Netanyahu come leader e non vedeva alcun problema per la sua inclinazione per la bella vita a spese dei contribuenti israeliani. In effetti, l'ultima manifestazione a cui ha partecipato è "Come molte persone a destra, il mio atteggiamento era: Chi se ne frega di quanto lui o sua moglie spendono per le cene da asporto di lusso e il gelato al pistacchio? Lavora sodo, ci protegge, quindi che me ne importa?" dice Rotner, che è cresciuta in una casa religiosa nella città costiera di Netanya e insegna scrittura creativa nel sistema scolastico religioso.


Ma sabato scorso ha deciso che era giunto il momento di unirsi alla folla fuori dalla residenza ufficiale del Primo ministro a Gerusalemme. Ciò che l'ha fatta uscire allo scoperto, dice, è stato il suo disgusto per la risposta di Netanyahu alle proteste.


"Vedo per strada persone la cui vita è un disastro: giovani che non hanno soldi per la spesa e sono stati costretti a tornare a vivere con i loro genitori, giovani israeliani che erano disposti a dare la vita per questo Paese e che all'improvviso vengono gettati ai cani. E qual è la sua reazione a tutto questo?" chiede. "Puro disprezzo. Tutto quello che può dire è: "Mancini, mancini, sinistrorsi”.


"La goccia finale per Rotner è stato un post Netanyahu recentemente condiviso da uno dei suoi sostenitori. Diceva: "Solo Bibi". "Mi sono detto: 'È questo che interessa al primo ministro? Dimostrare a tutti che ha dei tifosi?" Era ancora più arrabbiata qualche giorno dopo quando, dopo una delle manifestazioni fuori casa sua, Netanyahu ha risposto pubblicando la foto di una bandiera palestinese sventolata tra la folla. "Una bandiera palestinese tra centinaia di bandiere israeliane, che non si è nemmeno preoccupato di menzionare", nota. "Insomma, dai, devi capire che con migliaia di persone là fuori, statisticamente ce ne sarà almeno una che porta una bandiera palestinese". E questo è tutto ciò di cui può parlare". Per anni, dice Rotner, lei e molti dei suoi amici - israeliani di destra per la maggior parte - hanno visto Netanyahu come una figura paterna. "E ora è come se questo padre ci sputasse in faccia, ci voltasse le spalle e ci dicesse che non siamo suoi figli".


È stata la pandemia del coronavirus, crede, a mettere finalmente a nudo i suoi difetti di leader. "Finché l'economia era in buone condizioni, sembrava che stesse facendo un buon lavoro. Ma una volta che abbiamo avuto una grave crisi tra le mani, invece di mostrare preoccupazione per il benessere della popolazione, si è preoccupato solo del suo benessere. Al momento della verità, è venuto fuori che in realtà non gli importava nulla di noi, dopotutto. E questo mi preoccupa e mi spaventa".


Disastro per Israele


"Credo che abbiamo tutti i diritti su questa terra", dice, "ma insisterei sul fatto che i palestinesi che vivono lì ricevano pieni diritti". Barkan ha votato per Kahol Lavan di Benny Gantz alle elezioni di marzo, soprattutto perché ha sostenuto la fazione di Telem guidata dall'ex ministro della Difesa Moshe Ya'alon. Anche se è un membro registrato del partito religioso di destra Habayit Hayehudi, dice di non essere particolarmente attento. Ha votato per il partito Kadima, ormai defunto e centrista, quando lo dirigeva Ariel Sharon, che certo non si può definire un amico dei palestinesi, e in un passato molto più lontano ha persino votato per il partito ultranazionalista Tehiya. Lo scorso sabato sera, Barkan ha partecipato alla sua prima protesta in assoluto contro Netanyahu. Si è unito a centinaia di altri israeliani alla prima grande protesta che si è tenuta fuori dalla residenza privata del Primo ministro nella ricca città di mare di Cesarea. Attaccata alla macchina di Barkan c'era una bandiera israeliana, e sul tetto aveva legato una tavola da surf che proclamava: "Lo Stato è in piena immersione. Basta". ("Tzolelet", in ebraico "immersione profonda", significa anche "sottomarino" ed era un riferimento al presunto coinvolgimento di Netanyahu in uno scandalo riguardante la vendita di sottomarini tedeschi a Israele).


“Penso che il nostro primo ministro sia un disastro per lo Stato di Israele - dice Barkan, che vive a Ramat Poleg, vicino a Netanya - Tutto quello che fa è incitare un gruppo contro un altro, e tutto quello che gli interessa sono i suoi interessi personali. Non sa cosa significhi essere un uomo di Stato".


Barkan dice che anche per gli uomini di destra come lui, Netanyahu è diventato un peso. "Non ha promosso l'annessione, ma piuttosto ha lavorato contro di essa", dice. "È troppo occupato con la sua sopravvivenza personale e con le sue battaglie legali per mantenere le sue promesse".


Ho divorziato da Bibi


Moral Levy, 37 anni, è cresciuta in quella che lei descrive come una casa "Likudnik" di destra. Fino a marzo, ha gestito una fiorente attività di pianificazione di eventi, ma poi è arrivato il coronavirus e le cancellazioni hanno cominciato a piovere. Levy descrive la gestione della crisi del coronavirus da parte di Netanyahu come "un completo disastro", notando che molti israeliani come lei sono ora costretti a scavare nei risparmi di una vita per sopravvivere.


"Il governo ha riserve fiscali nascoste per situazioni di emergenza come la guerra", dice. "Io dico che questo è l'equivalente di una guerra e che quelle riserve dovrebbero essere distribuite a chi non riesce a sbarcare il lunario in questi giorni. Invece ci gettano addosso qualche briciola e si aspettano che ringraziamo". Finora, Levy ha partecipato a più di 40 manifestazioni contro il primo ministro in tutto il Paese. Lo scorso venerdì pomeriggio, equipaggiata con un megafono, ha attraversato il mercato Mahaneh Yehuda di Gerusalemme, una nota roccaforte del primo ministro e del suo partito. Indossava una maglietta con scritto "Ho divorziato da Bibi" e portava un cartello con scritto "Bibi, ci hai deluso". "Alcune persone mi hanno maledetto, altre mi hanno applaudito, addirittura si sono offerte volontarie per proteggermi con il proprio corpo", racconta. "Ho intenzione di essere di nuovo lì questo venerdì". Questa è una democrazia e posso protestare dove voglio, anche sul territorio di Netanyahu". Molti dei miei amici a destra hanno paura di parlare. Ma io no. Dopo aver perso la mia attività, non ho più niente da perdere".


Dalla collina alla protesta


Il rabbino Yossi Fruman, 45 anni, dice di essere probabilmente uno dei pochi manifestanti fuori dalla residenza del primo ministro di questi tempi che è stato arrestato anche lì più di 25 anni fa mentre manifestava contro l'allora primo ministro Yitzhak Rabin.


Il figlio del defunto rabbino Menachem Fruman - un importante rabbino noto per le sue opinioni moderate - Yossi Fruman si dice entusiasta che il figlio tredicenne abbia accettato di unirsi a lui per la protesta del sabato sera della settimana scorsa. "Ho una posizione di minoranza nella nostra famiglia", dice Fruman, che vive con la moglie e i sei figli nell'insediamento di Tekoa in Cisgiordania e fa il rabbino in una yeshiva vicina. Mercoledì sera - alla vigilia del digiuno di Tisha B'Av - era di nuovo fuori dalla residenza del primo ministro, questa volta leggendo il Libro delle Lamentele a una folla di centinaia di israeliani, tra cui alcuni dei volti più importanti del movimento di protesta. Fruman ha votato per Kahol Lavan nelle ultime tre elezioni, ma dice di aver anche votato per Netanyahu in passato e una volta l'ha anche considerato un leader piuttosto efficace. "Quello che è successo a Netanyahu è quello che succede ad altri che sono al potere da troppo tempo", dice. "E questo è diventato molto chiaro nel modo in cui ha affrontato la crisi sanitaria. Non ha mostrato alcuna flessibilità e nessun coraggio. E lo dico come qualcuno che non è assolutamente di sinistra - anzi, qualcuno che ha combattuto in cima alle colline e sente un profondo legame con la Terra di Israele".


A differenza di molti che protestano in questi giorni, Fruman non crede che Netanyahu debba dimettersi a causa delle accuse di corruzione a suo carico. "Non sono uno di quelli che gridano 'Corruzione, frode, violazione della fiducia'", dice, citando le accuse contro Netanyahu che spesso vengono cantate come slogan alle manifestazioni. "Per come la vedo io, se sia corrotto o meno è una questione che spetta al tribunale decidere".


Citando il rabbino Nachman di Breslov, Fruman sostiene che un buon leader è uno che sa quando consegnare il testimone. "E se non lo sa, non è mai stato un buon leader, tanto per cominciare", dice. "Mi sembra che Bibi abbia iniziato a perdere il suo tocco qualche anno fa, ma la crisi del coronavirus ha aggravato le cose. Ho pregato che Dio gli dia il coraggio di dire che ha fatto la sua parte e di passare il testimone alla generazione successiva". Per me non importa se la prossima generazione è nel Likud o in Kahol Lavan".


Nessun compromesso sulla democrazia


Yamit Bensadoun, 42 anni, è cresciuto in una famiglia pro-Likud in cui nessuno si sognerebbe mai di votare per un altro partito. "Mio padre è marocchino e, in famiglie come la nostra, il modo in cui si vota è una cosa tribale", dice l'istruttrice  di yoga di Tel Aviv. Nelle ultime settimane, lei e suo marito hanno partecipato alle proteste delle “Bandiere nere” sui ponti di tutto il paese ogni sabato sera. Questa madre di tre figli dice di essere preoccupata per il futuro della democrazia in Israele."Non sono disposta a scendere a compromessi sulla democrazia", afferma decisa. "Per me non c'è niente di più importante che vivere in una democrazia, e mi addolora vedere come il Likud stia cercando di distruggerla".


In piedi tra la folla


Pinchas, 30 anni, ha chiesto che il suo nome completo non venga pubblicato o che venga utilizzata la sua fotografia. Probabilmente era l'unico ebreo ultra-ortodosso (o haredi) presente alla manifestazione di martedì sera fuori dal condominio di Tel Aviv del ministro della Pubblica Sicurezza Amir Ohana. La protesta, divenuta poi violenta dopo essere stata infiltrata dagli estremisti di destra, è stata organizzata per protestare contro i tentativi di Ohana di indurre la polizia a mettere fuori legge i raduni di massa nelle strade.


Con la sua kippa nera, la camicia bianca e i pantaloni neri, Pinchas si è distinto tra la folla di israeliani per lo più giovani e laici. Poteva anche essere scambiato per uno spettatore curioso, piuttosto che per un partecipante, se non fosse stato per l'adesivo "Bibi, vai a casa" incollato alla camicia. Pinchas, un avvocato che prima lavorava nella pubblica amministrazione, si descrive come un elettore di centro-destra. "Ovviamente sarei contento se ci fosse la pace, ma non credo che in questo momento ci sia un partner per questo, quindi non posso definirmi di sinistra", dice. Ciò che lo ha portato alla manifestazione di martedì è stata la sua profonda preoccupazione per un'accusa specifica contro il primo ministro: Il “caso 1000”, in cui Netanyahu è accusato di frode e violazione della fiducia per aver accettato regali costosi da amici facoltosi.