Johnson ammette: "Al'inizio non avevamo capito la gravità della pandemia"

La scorsa settimana, il premier ha promesso un'inchiesta "indipendente" sulla gestione della pandemia.

Boris Johnson. Foto da Flickr

Boris Johnson. Foto da Flickr

globalist 24 luglio 2020
Boris Johnson ha ammesso che il suo governo non ha compreso la gravità dell'emergenza coronavirus durante "le prime settimane e mesi" della pandemia. In un'intervista alla Bbc, il premier britannico ha inoltre ammesso che ci sono "domande aperte" riguardo al fatto che nel Regno Unito il lockdown sia stato deciso troppo tardi. Johnson ha anche parlato di "lezioni da imparare" e ha detto che alcuni ministro avrebbero potuto agire "in maniera diversa" nel fronteggiare la crisi.
La scorsa settimana, il premier ha promesso un'inchiesta "indipendente" sulla gestione della pandemia, ma finora non sono stati annunciati dettagli riguardo ai tempi e alle modalità con i quali verrà condotta l'indagine
Con quasi 300mila casi confermati e oltre 45mila morti, il Regno Unito è stato il Paese europeo colpito più durante dalla pandemia ed uno dei Paesi più colpiti a livello globale.