La Corte Suprema dà ragione al razzismo di Trump: legittima l'espulsione veloce degli immigrati

Il caso era stato portato da un cittadino dello Sri Lanka di etnia tamil, Vijayakumar Thuraissigiam, che era stato espulso dagli Usa senza appello

Trump

Trump

globalist 25 giugno 2020
La Corte Suprema americana ha dato ragione a Donald Trump: l'espulsione veloce degli immigrati non è incostituzionale. 
Il caso era stato portato da un cittadino dello Sri Lanka di etnia tamil, Vijayakumar Thuraissigiam, che aveva denunciato di essere stato rapito e picchiato in patria ed espulso dagli Stati Uniti, dopo essere entrato senza documenti, senza avere la possibilità di appellarsi alla decisione degli agenti dell'immigrazione; l'Illegal Immigration Reform and Immigrant Responsibility Act, infatti, permette di espellere i richiedenti asilo entro due settimane, se fermati entro 100 miglia dal confine, senza dover passare attraverso la decisione di un giudice. La Corte d'appello si era invece schierata a favore dell'uomo.