Stop Annexation: la campagna del Global Jewish Coalition contro l'annessione israeliana

L'appello: “Siamo una coalizione di organizzazioni che rappresentano le comunità ebraiche in tutto il mondo, unite nella nostra opposizione all'annessione unilaterale e all'occupazione permanente”,

Trump e Netanyahu

Trump e Netanyahu

globalist 29 maggio 2020

Stop Annexation! E’ la campagna internazionale lanciata dalla Global Jewish Coalition, che Globalist rilancia in Italia come media partner.


“Siamo una coalizione di organizzazioni che rappresentano le comunità ebraiche in tutto il mondo, unite nella nostra opposizione all'annessione unilaterale e all'occupazione permanente”, premette GJC.


“Già dal 1 ° luglio, il governo Netanyahu-Gantz potrebbe iniziare ad annettere grandi parti della Cisgiordania. Uniti dalla preoccupazione per Israele e il suo futuro democratico e per i diritti umani dei palestinesi, invitiamo i responsabili delle decisioni, i legislatori e i leader politici a prendere misure urgenti per prevenire l'annessione”.


Riannessione completa


Questo scenario potrebbe anche portare a una rioccupazione completa della Cisgiordania - -spiegano gli organizzatori della campagna - compresi tutti i centri di popolazione palestinese attualmente sotto l'amministrazione dell'Autorità nazionale palestinese L'effetto domino delineato innescherebbe una risposta violenta da parte dei palestinesi che hanno rinunciato alla speranza di un processo diplomatico, aprendo la strada a un'era di estremismo e destabilizzazione in Cisgiordania e Gaza - lasciando Israele senza strategia di uscita.


In morte di uno Stato palestinese


L'annessione ha lo scopo di impedire la creazione di uno stato palestinese al fianco di Israele. Ha il potenziale per istituzionalizzare un sistema non democratico in cui Israele governa in modo permanente i residenti palestinesi apolidi in Cisgiordania. L'annessione tradisce fondamentalmente i principi democratici della fondazione di Israele e causerà danni irreparabili alle relazioni di Israele con i suoi alleati, destabilizzerà i trattati di pace esistenti e porterà a un futuro di conflitti e agitazioni senza fine. L'annessione unilaterale viola gli impegni di Israele ai sensi degli Accordi di Oslo del 1993 e mina un'Autorità Palestinese già debole. Minaccerà la cooperazione di sicurezza israeliana con l'Autorità palestinese, attraverso una cessazione ufficiale della cooperazione o attraverso una realtà di fatto quando le forze di sicurezza palestinesi non si presentano più al lavoro. Se il coordinamento della sicurezza palestinese cesserà di essere efficace, Hamas sarà ben posizionata per colmare questo vuoto e l'Idf (le forze armate israeliane, ndr)  dovrà aumentare le sue forze di polizia e di sicurezza in Cisgiordania, lasciando Israele vulnerabile su altri fronti che necessitano di un rafforzamento.


Inoltre, l'annessione unilaterale minaccia la pace e la stabilità decennali con l'Egitto e la Giordania.


L’apartheid istituzionalizzato


L'annessione significa che il sistema giuridico ineguale e discriminatorio in Cisgiordania potrebbe essere reso formale e permanente. Con l'imprimatur dell'amministrazione Trump, Israele manterrebbe perennemente il suo attuale doppio e diseguale regime legale, negando la maggior parte dei cittadini palestinesi, il voto e i loro diritti civili fondamentali, nonché ogni speranza di un futuro migliore.


Un'occupazione radicata non può essere districata dalle tendenze distruttive che si stanno approfondendo nel tessuto della democrazia israeliana. Lo scienziato politico israeliano . Dahlia Scheindlin avverte che, "un tentativo [di stabilire] una base politica e legale per l'annessione permanente" ha svolto un ruolo sostanziale nel crescente illiberalismo della società israeliana e della vita politica, compresi i crescenti attacchi a istituzioni democratiche fondamentali come la magistratura. L'annessione, come previsto dal primo ministro Netanyahu e dall'amministrazione Trump, lascia al popolo palestinese solo isolotti non contigui nel settanta per cento della Cisgiordania. Invece di un accordo di pace negoziato tra israeliani e palestinesi, l'annessione costringe i palestinesi a vivere in isolate isole-città - cioè aree apparentemente autonome circondate e controllate da Israele, negando i diritti civili di base tra cui la libertà di movimento e il diritto di voto per il governo israeliano che controllerà praticamente ogni aspetto della loro vita. Ciò garantisce praticamente un futuro di crescenti disordini e conflitti.


Illegalità internazionale


Il divieto di acquisizione del territorio con la forza ha sostenuto l'ordine internazionale emerso dopo le devastazioni della seconda guerra mondiale. Il divieto di annessione è incorporato nella Carta delle Nazioni Unite. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha vietato l'annessione alla risoluzione 242  nel novembre 1967, che è stata la base per la pace. L'annessione rafforzerebbe la determinazione della Corte penale internazionale a condurre indagini su presunti crimini di guerra e potrebbe condurre a punibili azioni punitive.


Conflitto con la diaspora


Gli ebrei nella diaspora condividono un impegno con Israele, radicato nella sua sicurezza e nella sua identità sia di democrazia che di patria degli ebrei. L'impatto dell'annessione sarà un tradimento dei valori fondanti di Israele in termini di democrazia e uguaglianza, come sancito dalla Dichiarazione di indipendenza di Israele del 1948. Ciò si tradurrà in divisioni all'interno delle comunità ebraiche globali, che faranno fatica a rispondere alla sua nuova realtà.


Pace regionale a rischio


L'annessione unilaterale mette a rischio l'accordo di pace israelo-giordano del 1994, che è stato vitale per la sicurezza di Israele. Il re Abdullah ha dichiarato che l'annessione della Valle del Giordano avrebbe un "impatto notevole" sulle relazioni bilaterali e ha indicato che le relazioni sono già a un "minimo storico". L'annessione costituisce anche una minaccia alla pace di Israele con l'Egitto, che è stata una pietra miliare per la stabilità regionale per oltre 40 anni. L'interruzione di queste relazioni minerebbe le alleanze globali e le relazioni di sicurezza israeliane in una regione altamente instabile, creando importanti implicazioni per la sicurezza regionale e globale.


La Lega araba ha anche condannato i passi verso l'annessione, segnalando che l'annessione ostacolerà le aspirazioni israeliane per legami economici e diplomatici normalizzati con il mondo arabo. L'annessione rafforza anche gli estremisti nel mondo arabo e mina i moderati. Il sostegno di gruppi estremi in un momento in cui molti regimi in Medio Oriente sono indeboliti potrebbe avere conseguenze disastrose per la sicurezza israeliana e la stabilità regionale.


Relazioni minate


L'annessione unilaterale di Israele minerà le sue relazioni critiche con i paesi democratici all'estero che hanno offerto sostegno a Israele sin dalla sua istituzione - e potrebbe persino innescare gravi azioni punitive.


L'annessione è un'indicazione che il governo israeliano ha del tutto abbandonato il cammino verso una pace giusta e i suoi obblighi internazionali come membro fondatore delle Nazioni Unite.


La campagna di sensibilizzazione ha preso avvio, e, a quanto risulta a Globalist, dovrebbe avere un momento particolarmente significativo entro la metà di giugno, se si concretizzerà la richiesta, avanzata dagli organizzatori della campagna, di incontrare gli ambasciatori israeliani in 30 Paesi, tra cui l’Italia.


Il 1° luglio si avvicina, e con esso un punto di non ritorno nell’eterno conflitto israelo-palestinese. Non lasciar cadere il silenzio su questa tragedia annunciata è un dovere di una informazione che non tradisce se stessa.