Coronavirus, ora Boris Johnson parla di 'guerra' ma nel Regno Unito tutto resta aperto

Il premier britannico ha detto che il governo farà "tutto quello che serve" per sconfiggere il virus e sostenere l'economia. Ma al momento sono solo annunci

Boris Johnson

Boris Johnson

globalist 17 marzo 2020
Secondo logica, se uno è in guerra dovrebbe prendere provvedimenti. Ma Bojo, al momento, non ha vietato nulla ma si è solo ‘raccomandato’ non di non uscire. Ben sapendo che se no si chiudono negozi, scuole, ristoranti e pub la gente uscirà lo stesso.
Come per i "governi di guerra", l'attuale governo britannico farà "tutto quello che serve" per sconfiggere il virus e sostenere l'economia.
Lo ha detto il premier Boris Johnson, nella conferenza stampa quotidiana dedicata all'emergenza coronavirus. Il premier ha anticipato che "nei prossimi giorni" potranno esserci "ulteriori" misure da parte del governo, con un passo "più veloce" rispetto alle ultime settimane per "proteggere vite e il servizio sanitario nazionale". "Dobbiamo imparare da altri paesi", ha detto ancora Johnson.
Alla conferenza stampa partecipa anche il cancelliere dello Scacchiere, Rishi Sunak, che annuncerà una serie di misure di sostegno alle imprese e alle famiglie