Un uomo accoltella un fedele dentro una Moschea a Londra: si pensa al terrorismo razzista

Scotland Yard ha confermato l'arresto, evitando per ora di rendere nota qualunque ipotesi investigativa e facendo sapere di essere in attesa di aggiornamenti sulle condizioni del ferito.

L'uomo arrestato dalla polizia

L'uomo arrestato dalla polizia

globalist 20 febbraio 2020

Un uomo mussulmano di 70 anni è stato accoltellato alla Moschea di Regent's Park a Londra, prima che la polizia arrestasse un uomo per tentato omicidio. Lo riferiscono i media locali precisando che la vittima e' stata ferita al collo. Non è al momento chiaro se si tratti di un attacco legato a un movente personale, a un qualche raptus o a una pista terroristica.

Scotland Yard ha confermato l'arresto, evitando per ora di rendere nota qualunque ipotesi investigativa e facendo sapere di essere in attesa di aggiornamenti sulle condizioni del ferito. Un video amatoriale subito diffuso su internet mostra le fasi del fermo del presunto aggressore, un bianco, a quanto si vede, ammanettato dagli agenti dopo una breve colluttazione. La moschea di Regent's Park è la più grande del Regno Unito e può contenere fino a 5000 persone. Al momento dell'accoltellamento vi erano riuniti in preghiera circa 300 fedeli, secondo quanto riporta Sky News, che sostiene anche che si sta facendo strada l'ipotesi di terrorismo razzista.