Bolsonaro il sessista: becere allusioni sessuali contro una giornalista scomoda

Vittima delle insinuazioni dell'estremista di destra Patricia Campos Mello, cronista d Folha, che aveva indagato sulle fake news fatte dal presidente in campagna elettorale

Jair Bolsonaro

Jair Bolsonaro

globalist 18 febbraio 2020
Un fascista, sessista e misogino. Che non si smentisce: il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha fatto pesanti insinuazioni sessuali riguardo ad una giornalista della Folha de Sao Paulo, responsabile di un'inchiesta sull'uso massiccio di fake news durante la campagna elettorale del 2018.
Le allusioni hanno provocato una immediata reazione nei principali media del paese sudamericano.
Parlando con i cronisti alla sua uscita dal Palazzo de Alvorada -residenza del capo dello Stato a Brasilia- Bolsonaro ha detto, ridendo, che la giornalista Patricia Campos Mello, "voleva avere uno scoop contro di me, e lo voleva a qualsiasi prezzo", per poi aggiungere che "non posso dire altro, perché ci sono signore presenti".
Il presidente ha raccontato di aver "visto un video nel quale la giornalista ha detto che è del Pt" (Partito del Lavoratori, opposizione di sinistra) e ha ricordato che Hans River, un impiegato di una società specializzata nella diffusione massiccia di messaggi attraverso gruppi di Whatsapp, "ha dichiarato alla Procura, l'anno scorso, che questa giornalista lo stava molestando".
River ha ripetuto, la settimana scorsa davanti alla Commissione parlamentare d'inchiesta sulle fake news, che Campos gli aveva offerto favori sessuali in cambio di informazioni. Dichiarazione che è stata subito diffusa sui social da Eduardo Bolsonaro, figlio del presidente.
Folha de Sao Paulo ha reagito ai commenti di Bolsonaro denunciando che "con questo suo atteggiamento" il presidente non solo "aggredisce" Campos, ma anche "tutti i professionisti dell'informazione". Da parte sua, la radio Cbn, del gruppo media Globo, ha criticato il fatto che "fra le risate, il presidente abbia fatto insinuazioni sessuali riguardo a Patricia Campos Mello".