Brexit, un anziano italiano costretto a provare la sua residenza: "Dopo 68 anni, ora è come se non esistessi"

Antonio Finelli, 95 anni, percepisce la pensione dal governo inglese da 32 anni. È emigrato da ragazzo, nel 1952

Antonio Finelli

Antonio Finelli

globalist 17 febbraio 2020

Antonio Finelli ha 95 anni ed è emigrato in Gran Bretagna nel 1952. Da 32 anni riceve la pensione e ha lavorato nel Regno Unito per tutta la vita. E ora, con l'entrata in vigore della Brexit, deve provare la sua residenza, per poter rimanere in Inghilterra. 

Lo racconta oggi il Guardian, che sottolinea anche l'enorme stress e la fatica che moltissimi anziani come Finelli devono sopportare per riuscire a ottenere i requisiti per ottenere il permesso di vivere in quella che è la loro casa da quasi tutta la vita. 


“Ricevo la pensione e ho lavorato tutta la mia vita, non capisco perché devo fornire tutti questi dati bancari. Sono qui da tanti anni, perché mi trattano come se non esistessi?", si chiede Finelli. Dimitri Scarlato, volontario del centro Inca Cgil di Londra a cui si è rivolto Finelli per l'assistenza, spiega che uno dei problemi è la mancata digitalizzazione dell'intero sistema pensionistico britannico. Per questo capita che alcuni pensionati, una volta presentata la domanda per rimanere, ricevano la richiesta di provare la loro residenza da almeno cinque anni, in quanto risultano sconosciuti al sistema.Vedovo e sopravvissuto al suo unico figlio, l'anziano Finelli ha dovuto chiedere aiuto per una questione per lui vitale, rimanere nel paese dove vive da 68 anni. Il suo è il secondo caso assurdo in una settimana dopo quello del suo compatriota e amico Giovanni Palmiero. La sua vicenda aveva già fatto discutere perché l'anziano italiano ha 101 anni e il database del ministero dell'Interno gli ha risposto che la domanda doveva essere presentata dai genitori scambiandolo per un bimbo di un anno. Per gli anziani che vivono isolati, ottenere il settled status può diventare un vero incubo.