Il piano di Trump per la pace in Medio Oriente (dove la Palestina non è contemplata)

Trump ha affermato di aver inviato una lettera al presidente dell'Autorità nazionale palestinese Abu Mazen sul piano di pace Usa

Donald J. Trump con Benjamin Netanyahu

Donald J. Trump con Benjamin Netanyahu

globalist 28 gennaio 2020

Il presidente americano propone la soluzione dei due Stati con Gerusalemme est capitale della Palestina. Lo affermano fonti della Casa Bianca riprese da alcuni media Usa mentre il tycoon si appresta a illustrare il piano insieme a Benyamin Netanyahu. "La gente in Medio Oriente, soprattutto i giovani, sono pronti per un futuro migliore".

"Quello di oggi è un grande passo verso la pace": lo ha affermato Donald Trump annunciando il piano per il Medio Oriente. "E' giunto il momento per una svolta storica", ha aggiunto.




 


Il piano di pace Usa per il Medio Oriente conta 80 pagine ed è "il più dettagliato" mai presentato finora: lo ha detto Trump in una conferenza stampa congiunta con il premier israeliano Benyamin Netanyahu. "Gerusalemme resta la capitale indivisa di Israele". Trump ha dichiarato che il premier israeliano gli ha detto che il piano di pace Usa per il Medio Oriente è una base per negoziati diretti.
Il piano di pace Usa per il Medio Oriente prevede investimenti per 50 miliardi di dollari a favore dei palestinesi: "Ci sono molti stati pronti ad investire", ha assicurato Trump. "Questa potrebbe essere l'ultima opportunità per arrivare a una pace in Medio Oriente", ha sottolineato il presidente Usa.
Trump ha annunciato che, se ci sarà l'accordo tra le parti, gli Usa apriranno un'ambasciata a Gerusalemme Est, confermando che quest'ultima potrebbe essere la capitale del futuro Stato palestinese.
Trump ha affermato di aver inviato una lettera al presidente dell'Autorità nazionale palestinese Abu Mazen sul piano di pace Usa per il Medio Oriente e ha evocato un tempo di 4 anni per negoziare.