Polmonite cinese, i morti salgono a 9, un caso anche in Usa: Wuhan si blinda

Il sindaco di Wuhan: "Non venite in città, dobbiamo evitare il contagio". Cancellate tutte le attività legate al Capodanno

Coronavirus

Coronavirus

globalist 22 gennaio 2020
Non è più una questione da prendere sottogamba: il numero dei morti è salito a nove e si cominciano a registrare altri casi della misteriosa pomonite cinese partita a Wuhan. Una donna di 52 anni è stata contagiata a Macao ed era arrivata la scorsa domenica in treno dalla vicina città di Zhugai. a donna è rimasta al New Orient Landmark Hotel con due amiche, sotto sorveglianza medica dopo il suo ricovero. 
Ma la novità più significativa è il primo contagio che si è registrato nelle ultime ore negli Stati Uniti. Si tratta di un uomo che è attualmente ricoverato in isolamento al Providence Regional Medical Center di Everett, nello stato di Washington, stando a quanto riferito dallo US Centers for Disease Control and Prevention.
Wuhan intanto si blinda: "Se non è necessario, suggeriamo a tutti di non venire a Wuhan", ha dichiarato il sindaco della megalopoli della Cina interna, Zhou Xianwang, intervistato dall'emittente televisiva statale China Central Television. 
"Ridurre il flusso di persone, ha aggiunto il sindaco, diminuirà la possibilità che il virus si diffonda e allenterà la pressione sugli sforzi per il controllo e la prevenzione del virus. La città ha istituito un quartier generale per il controllo e il contrasto dell'epidemia e ha innalzato le misure per la detenzione di possibili casi sospetti. Alla luce degli ultimi sviluppi dell'epidemia di polmonite virale, l'amministrazione cittadina ha anche deciso di cancellare tutte le attività relative alle feste dell'imminente capodanno lunare".