Bolsonaro il fascista non ama la libera stampa: "Giornalisti in via d'estinzione"

L'omofobo sessista al potere in Brasile ha vietato l'acquisto di giornali nel Palacio do Planalto, sede della Presidenza della Repubblica

Il presidente del Brasile Bolsonaro

Il presidente del Brasile Bolsonaro

globalist 7 gennaio 2020

Come tutti i fascisti e i sovranisti e populisti non ama l’informazione: il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha definito la categoria dei giornalisti come una specie in via di "estinzione" che merita di essere studiata dall'Istituto brasiliano dell'ambiente e delle risorse naturali rinnovabili (Ibama), un ente legato al ministero dell'Ambiente.



Non è la prima volta che il leader di Brasilia critica la stampa locale, al punto di vietare l'acquisto di giornali nel Palacio do Planalto, sede della Presidenza della Repubblica.
"I giornali ci avvelenano, tutti voi nel 2018 avete detto che non avrei battuto nessuno e invece ho vinto" le elezioni presidenziali, ha detto Bolsonaro riferendosi ai cronisti che quotidianamente lo seguono nella capitale brasiliana.
"Sempre più persone diffidano di voi (giornalisti), l'importante e' l'informazione e non le notizie false", ha continuato il presidente.