I deserti della morte e la complicità dell'Occidente

Perché per milioni di esseri umani il viaggio è altro: è fuga disperata dall’inferno di guerre, pulizie etniche, povertà assoluta, disastri ambientali, fame, siccità… Il loro è un “viaggio nel deserto”.

Migranti nel deserto tentano di arrivare in Libia

Migranti nel deserto tentano di arrivare in Libia

Umberto De Giovannangeli 19 dicembre 2019

di Umberto De Giovannangeli


Il viaggio, nella nostra immaginazione frutto di frequentazioni letterarie o esperienze di vita, è legato alla conoscenza, all’avventura, alla scoperta di bellezze naturali o archeologiche che rimarranno impresse nella nostra memoria. Il viaggio come arricchimento interiore, come moltiplicatore di emozioni. Per noi occidentali, o comunque, per noi “fortunati”. Perché per milioni di esseri umani il viaggio è altro: è fuga disperata dall’inferno di guerre, pulizie etniche, povertà assoluta, disastri ambientali, fame, siccità… Il loro è un “viaggio nel deserto”.


Viaggio senza ritorno


Non una metafora, ma la tragica realtà. E’ attraverso i deserti, dal Sinai al Sahara, che una moltitudine di persone, come noi abitanti del pianeta, cercano di raggiungere l’Europa, finendo il più delle volte nelle mani, intrise di sangue, di trafficanti di esseri umani, tribù e milizie jihadiste che nei deserti agiscono impunemente, rapiscono, stuprano, uccidono, spesso in combutta con autorità locali corrotte.


Non esistono foto di queste persone, delle fosse comuni nelle quali vengono sepolti corpi che non hanno un nome, dimenticati da una comunità internazionale imbelle e da un’opinione pubblica mondiale che si commuove solo di fronte alla foto del corpo senza vita di un bimbo ritrovato sulle rive di una spiaggia, turca, italiana, spagnola, alla fine di un viaggio della morte. E’ una commozione di breve durata, ma almeno c’è. Per i morti nel deserto neanche una lacrima. Eppure esistono, a centinaia, testimonianze di persone che dalla traversata dei deserti sono riuscite a sopravvivere, potendo così raccontare una tragedia immane. Migranti e rifugiati intervistati da Amnesty International, ad esempio, hanno riferito di essere stati trattati come “schiavi” ed “animali” dai trafficanti. “La crisi de migranti potrebbe costringere un intero continente a riconoscere l’ipocrisia dei suoi politici, che sono rimasti in silenzio quando avrebbero dovuto parlare. La crisi dei migranti -  annota   Napoleoni –potrebbe sfatare il mito assurdo secondo cui siamo sulla buona strada per costruire una Europa integrata ed egualitaria. Ma soprattutto mettere a nudo quanto siano fragili il rispetto per la vita e la dignità umana nel ricco Occidente....I mercanti di uomini  non sono diversi dai mercanti di schiavi del XVIII secolo, dai colonizzatori del XIX o dai dittatori del XX, tutti convinti di poter decidere liberamente della vita altrui. E vivono e operano nei nostri Paesi. Nessuno è al sicuro, neppure noi”.


La riconversione del terrore


Tutto è cominciato, annota Loretta Napoleoni, nel suo libro, da leggere, “Mercanti di uomini. Il traffico di ostaggi e migranti che finanzia il jihadismo” (Rizzoli) con il traffico di cocaina, trasportata dalla Colombia in Europa lungo le rotte transahariane. Le stesse rotte sono servite per far perdere le tracce di decine di ostaggi occidentali, rapiti per finanziare gruppi terroristici e bande criminali, dopo la destabilizzazione della Siria e dell’Iraq...Oggi su queste piste viaggia altra merce: esseri umani, a milioni, in fuga da guerre e povertà verso un Occidente che credono più accogliente e ricco di quanto non sia. Un commercio che costa migliaia di vite, e che vale miliardi.


Fosse comuni


Uno ha raccontato di essere stato tenuto, insieme a molti altri, in una stanza sporca e sovraffollata, senza servizi igienici, coperte e materassi, con pezzi di pane secco come unico cibo a disposizione. “È un’attività commerciale a tutti gli effetti. Ti rapiscono per farti pagare. Se non rispondi alle loro domande, ti picchiano coi tubi di gomma” – ha raccontato una delle persone intervistate da Amnesty International. Le donne, soprattutto quelle che viaggiano sole o senza parenti maschi, rischiano più di ogni altra persona di essere stuprate dai trafficanti o dalle bande criminali.


Schiave sessuali


Le donne rapite durante il viaggio e non in grado di pagare il riscatto vengono obbligare a fare sesso in cambio del rilascio o del permesso di proseguire. “Il trafficante aveva tre donne eritree. Le ha violentate, loro piangevano. È successo almeno due volte” – ha raccontato una testimone oculare.


Un’altra donna, proveniente dalla Nigeria, ha raccontato di essere stata vittima di uno stupro di massa da parte di 11 uomini appartenenti a un gruppo armato appena arrivata nella città di Sabha: “Ci hanno portato fuori città, nel deserto. Hanno legato mio marito ad un palo per le mani e le caviglie e mi hanno stuprato davanti ai suoi occhi.  Erano in tutto 11”. Janet Kamara, una donna della Liberia espulsa dall’Algeria lo scorso maggio, ha raccontato all’Associated Press: “Le donne, gli uomini giacevano morti… altre persone sono scomparse nel deserto perché non conoscevano la strada, ognuno era solo”. Kamara, che quando ha dovuto attraversare il deserto era incinta, ha perso il figlio che ha partorito durante il cammino. Ora si trova ad Arlit, nel Niger.


“La Libia sta diventando sempre più off limits anche per i migranti stessi, in particolare chi proviene dall’Africa occidentale”. A rivelarlo in un colloquio con “Vita.it” è don Mussie Zerai, sacerdote eritreo candidato al Nobel per la pace 2015 per il suo impegno per i diritti umani e presidente dell’Ong Habeshia “Da ovest, il grande lager a cielo aperto di smistamento illegale rimane il Niger, ma il centro delle rotte di oggi è il Sudan, dove arrivano anche le persone da Eritrea e Somalia. Da qui, la nuova meta è l’Egitto, nonostante si sappia l’ostilità di quel paese verso i migranti e l’elevata efferatezza dei trafficanti”, sottolinea Zerai. “I migranti cercano di seguire il meno peggio tra gli inferni che sanno di avere davanti a sé, e vanno verso l’Egitto anche se sono coscienti che la tratta da compiere nel Mar Mediterraneo sarà più lunga”.


Migliaia i rapiti


Cifre spietate: dal 2009 alla metà del 2019, quasi 38mila africani sarebbero stati rapiti nel deserto del Sinai e almeno 5mila sarebbero morti di stenti, violenze e torture. Sudanesi, eritrei e somali in fuga da guerre, pulizie etniche e miseria.


Una fuga finita nella tragedia. I migranti che provano a fuggire da guerre, povertà assoluta, pulizia etnica, disastri ambientali, regimi sanguinari, mettendo a rischio la loro vita nei viaggi nel deserto, provengono da diverse zone del continente africano: la maggior parte da Sud-Ovest, dalla rotta del Sahel (fascia di territorio africano che comprende Gambia, Senegal, la parte sud della Mauritania, il centro del Mali, Burkina Faso, la parte sud dell’Algeria e del Niger, la parte nord della Nigeria e del Camerun, la parte centrale del Ciad, il sud del Sudan, il nord del Sud Sudan e l’Eritrea), ma l’80% di questi migranti sceglie di restare in territorio libico. Da Sud-Est, invece, arrivano i flussi provenienti principalmente dal Corno d’Africa, Somalia ed Eritrea, che vengono smistati poi verso la costa del paese e poi verso l’Italia ed il continente europeo. Da Est, invece, arrivano i flussi provenienti dall’Egitto, il secondo punto di snodo dei flussi migratori verso l’Italia.


Uno dei più grandi “produttori” di rifugiati al mondo è il Sud Sudan: questo paese ha distribuito fuggiaschi in tutti i paesi vicini: in Etiopia, in Kenya, soprattutto nel già martoriato Congo ed anche nel vecchio nemico del nord, il Sudan. In totale, tra quelli in Uganda e quelli negli altri paesi, il Sud Sudan ha prodotto abbondantemente più di tre milioni di profughi. Ed ora, una parte considerevole di essi cerca di restare in vita sfidando la morte sulle rotte della disperazione. Intorno a questo traffico di esseri umani gira una montagna di denaro che alimenta un’organizzazione criminale imponente: ci sono almeno 15 centri di smistamento nel deserto del Sinai. Veri e propri lager.


I lager del Sinai


Chi tenta la fuga viene raggiunto e fatto fuori. Con una pallottola in testa, o con la gola squarciata. O lasciato morire di fame nel deserto.


Questa storia dà conto di un’amara, vergognosa, verità politica: sempre dal 2009 ad oggi si stima che siano stati pagati riscatti per 49mila persone, per un valore di circa 1,8 miliardi di dollari. In molti casi, i predoni si sbarazzano dei prigionieri più poveri anche rivendendoli ad altre bande. Alcuni migranti, sopravvissuti ad uno dei tre naufragi della scorsa settimana, hanno riferito che gli scafisti avrebbero marchiato con i coltelli la testa di coloro che non obbedivano agli ordini, specie quelli di etnia africana; gli arabi, invece, sarebbero stati picchiati con cinture e gli uomini sposati, con calci e pugni. Il costo del viaggio, dicono i sopravvissuti, va da 1.200 a 1.800 dollari a persona.


Per avere un giubbotto di salvataggio si pagherebbe una cifra supplementare che varia da 35 a 70 dinari libici, cioè da 25 a 50 euro circa. Le testimonianze dei sopravvissuti descrivono torture, stupri, estorsioni ed uccisioni nella regione desertica del Sinai egiziano. I migranti che tentano di attraversare il Sinai e che lì cadono nelle mani di una rete organizzata di trafficanti umani provengono dal Sudan e dall’Etiopia, ma in maggioranza sono eritrei. Le mete iniziali per gli eritrei che fuggono dal paese sono l’Etiopia e il Sudan. Da qui, gran parte dei migranti eritrei erano soliti seguire il percorso verso la Libia, per poi tentare di attraversare il Mediterraneo. Però, durante gli ultimi anni, in seguito all’accordo bilaterale tra l’Italia e la Libia, anche alla luce degli sconvolgimenti politici in gran parte del nord Africa, questo percorso è diventato più difficile.


Pertanto, in alternativa, parte del flusso di migranti che, attraverso il Sinai, si dirige verso Israele si è intensificato. Inizialmente, molti migranti concordano un prezzo con dei trafficanti per attraversare la frontiera o per proseguire il viaggio. Ma spesso, appena attraversato in territorio sudanese, vengono fatti prigionieri e venduti ad altri trafficanti. Oltre a questo, negli ultimi anni si sono intensificati i casi di giovani che vengono rapiti direttamente dai campi profughi nel Sudan, per essere anche loro venduti insieme agli altri. Incatenati ed ammassati su camionette, i profughi vengono trasportati nel Sinai egiziano, dove vengono ancora una volta venduti ad altri trafficanti beduini.


Tenuti prigionieri nei campi dei beduini del Sinai e trattati come merce da riscatto, i migranti vengono sottoposti a torture indicibili e le donne vengono stuprate ripetutamente. I familiari dei prigionieri vengono contattati telefonicamente e le torture e stupri vengono effettuati in diretta telefonica, con lo scopo di estorcere ingenti somme per il riscatto. 


Il traffico di organi


Molti muoiono a causa delle torture e della fame, ma molti corpi di persone decedute nel Sinai sono stati trovati con vari organi asportati. Questo pare confermi che il traffico di esseri umani nel Sinai abbia anche lo scopo di asporto e vendita di organi umani. I migranti che dall’Africa Occidentale cercano di raggiungere l’Europa stanno morendo nel Sahara in un numero molto maggiore rispetto a quanti perdono la vita nel Mediterraneo. Tuttavia, gli sforzi tesi a dissuaderli dal mettersi in viaggio potrebbero causare l’apertura di nuove rotte, stando a quanto riferito dall’Agenzia Onu per le Migrazioni in un report del 20 gennaio 2019.


Fino a quella data, in mare avevano perso la vita 2.569 persone “Ancora non disponiamo di una stima del numero dei morti nel deserto” ha rivelato Richard Danziger, direttore dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) per l’Africa centro-occidentale. “Supponiamo, come abbiamo già detto in passato, che i morti siano almeno il doppio di quelli registrati nel Mediterraneo. Tuttavia non siamo in possesso di alcuna evidenza che lo attesti, è solo una supposizione. Semplicemente, non lo sappiamo con certezza. Niger, una delle principali rotte, le autorità locali stanno creando continui ostacoli ai trafficanti di esseri umani, il che potrebbe renderli ancora più inclini ad abbandonare i migranti nel mezzo del deserto” afferma. “Molti migranti hanno raccontato delle morti nel deserto ed alcuni hanno riferito che i trafficanti erano convinti che guidando più velocemente attraverso i campi minati sarebbero stati al sicuro” dice a Giuseppe Loprete, responsabile dell’OIM per la missione in Niger.


Egli riferisce, inoltre, che a seguito della decisa azione del governo – volta a far chiudere i “ghetti” e ad arrestare i trafficanti – il numero dei migranti che attraversano il Niger è diminuito sensibilmente. L’Oim ha cercato inoltre di diffondere lo slogan “Tu non vuoi essere catturato in Libia”, afferma Danziger. “Ciò che accade in Libia, le storie di orrore che racconta chi torna indietro, spaventa le persone molto più della morte.


La vergogna libica


Molti trafficanti non si considerano criminali. Spesso si tratta di ex-guide del deserto in cerca di denaro. In tanti hanno rinunciato, mentre la criminalità organizzata che ha contatti in Libia continua ad operare”, sostiene Loprete. “In questo momento stanno cercando di trovare delle rotte alternative, altrettanto pericolose”, aggiunge. “Quando tappi un buco, altri sono destinati ad aprirsi”, afferma Danziger. “Dal Niger partono due rotte per la Libia: una più vicina al Ciad, abitualmente usata dai trafficanti di esseri umani; l’altra, nelle immediate vicinanze del confine algerino, molto più pericolosa poiché battuta da gruppi estremisti ed utilizzata per il traffico di droga ed armi. Un’alternativa è costituita da un passaggio nel Mali settentrionale, una regione tormentata da conflitti tribali, tuttavia lì non sembrano essersi registrati degli aumenti nei flussi migratori”, asserisce Danziger.


Le rotte si moltiplicano


“La rotta considerata più sicura è quella che corre lungo la costa occidentale dell’Africa, attraverso Senegal, Mauritania e Marocco, fino allo Stretto di Gibilterra, in cui non a caso il flusso migratorio è aumentato”, ha aggiunto. Un esodo biblico, una traversata dei deserti che non possono essere affrontati e risolti solo sul terreno militare, anche perché mettere in sicurezza quell’enorme “terra di nessuno” comporterebbe un impiego di uomini e mezzi oggi impensabile. Ecco allora tornare al centro dell’agire internazionale, come scelta strategica obbligata, l’intervento sulle cause che stanno alla base di questo esodo disperato: cause sociali, ambientali, di lotta alla povertà, una pace che contempli il rispetto dei diritti umani, civili, sociali, ed un effettivo pluralismo. “Aiutarli a casa loro” significa anche questo: scongiurare le “traversate dei deserti”, i viaggi della morte.