Interferenze russe nella politica inglese, Johnson autorizza la pubblicazione del rapporto dell'Intelligence

Il rapporto indagava anche su possibili interferenze nel referendum del 2016 sulla Brexit. Ci vorranno settimane prima della pubblicazione per riformare la commissione di Intelligence

Londra-Mosca

Londra-Mosca

globalist 16 dicembre 2019
Il neoeletto primo ministro britannico Boris Johnson ha dato l'autorizzazione alla pubblicazione di un rapporto sulle possibili influenze russe nella politica inglese, redatto dalla Isc, la Commissione parlamentare di Intelligence e Sicurezza. Nel rapporto viene avanzato anche il sospetto che le interferenze russe possano essere avvenute anche nel 2016 per il referendum sulla Brexit. Ma la commissione è stata sciolta prima delle elezioni legislative dello scorso giovedì e il rapporto non può essere pubblicato fino a quando non sarà riformata, il che potrebbe richiedere diverse settimane. I suoi membri sono scelti dal Primo ministro in associazione con il leader dell'opposizione laburista, scelta che viene quindi votata dal Parlamento. 
La commissione ha avviato le indagini nel novembre 2017 e consegnato il suo rapporto al primo ministro a metà ottobre, secondo l'ex presidente Dominic Grieve. Ai primi di novembre, il governo è stato criticato per non voler pubblicare il rapporto prima delle elezioni del 12 dicembre e ha sollevato preoccupazioni sulla sicurezza nazionale. La pubblicazione del rapporto "non danneggerebbe le organizzazioni che proteggono la nostra sicurezza nazionale", ha detto il portavoce di Boris Johnson.
L'indagine dell'Isc mirava a rispondere alle preoccupazioni relative all'interferenza nelle elezioni americane del 2016 e all'impatto delle campagne di disinformazione dalla Russia. Ha anche menzionato l'avvelenamento dell'ex agente russo Sergei Skripal nella città britannica di Salisbury, che Londra attribuisce a Mosca. La Russia aveva negato qualsiasi coinvolgimento, ma il caso aveva provocato un'ondata di espulsioni di diplomatici tra Londra e i suoi alleati e Mosca.