Exit Poll: Boris Johnson a valanga e ottiene la maggioranza assoluta

Secondo questi dati, il partito conservatore ha incassato 368 seggi su 650, mentre al Labour di Jeremy Corbyn ne vengono attribuiti solo 191 e all'intero fronte pro referendum bis 260 circa.

Elezioni nel Regno Unito

Elezioni nel Regno Unito

globalist 12 dicembre 2019

Trionfo a valanga per Boris Johnson: il voto delle elezioni britanniche, secondo l'exit poll di Ipsos Mori diffuso dalla Bbc, assicura stasera una larga maggioranza assoluta Tory alla prossima Camera dei Comuni inseguita dal primo ministro per sigillare la Brexit e portare formalmente il Regno Unito fuori dall'Ue il 31 gennaio. Secondo questi dati, il partito conservatore ha incassato 368 seggi su 650, mentre al Labour di Jeremy Corbyn ne vengono attribuiti solo 191 (peggio delle attese) e all'intero fronte pro referendum bis 260 circa.


I conservatori guadagnano 51 seggi


Se i dati degli exit poll saranno confermati, con 368 seggi i Conservatori di Boris Johnson guadagnano 51 seggi rispetto alle elezioni del 2017, mentre i Laburisti di Jeremy Corbyn ne perderebbero 71. 
Ottimo risultato anche per lo Scottish National Party, che con 55 seggi ne guadagnerebbe 20. Un seggio in più andrebbe ai Libdem, con 13 seggi, mentre i Verdi manterrebbero l'unico seggio conquistato nel 2017.
Boris Johnson ringrazia gli elettori


"Grazie a tutti in tutto il nostro grande Paese, a chi ha votato, a chi ha fatto il volontario, a chi si è presentato come candidato. Viviamo nella più grande democrazia del mondo".


Così il premier Boris Johnson, in un tweet pubblicato dopo gli exit poll che assegnano ai Conservatori una netta vittoria nelle elezioni, con 368 seggi, rispetto ai 191 dei Laburisti di Jeremy Corbyn.