Il vulcano Whakaari che ha fatto strage di turisti riprende l'attività e ostacola i soccorsi

Sei sono le vittime accertate, venticinque persone si trovano in condizioni critiche in ospedale con gravi ustioni

Il vulcano Whakaari

Il vulcano Whakaari

globalist 11 dicembre 2019
Il vulcano della White Island, in Nuova Zelanda, eruttato lunedì, sta ora emettendo gas venefici: l'aumentata attività sismica ha costretto i soccorritori a interrompere i loro sforzi. Il vulcano, chiamato Whakaari, è esploso travolgendo con i suoi detriti i turisti che si trovavano sull'isola. Sei sono le vittime accertate, venticinque persone si trovano in condizioni critiche in ospedale con gravi ustioni. All'appello mancano ancora otto dispersi.

S"Ho parlato con molte persone coinvolte nell'operazione e sono molto, molto ansiosi di andare lì e portare a casa i propri cari", ha detto il primo ministro Jacinda Ardern ai giornalisti. Nel frattempo, si procede all'identificazione delle vittime.


"Dalle 4:00 di mercoledì mattina il livello di tremore vulcanico è notevolmente aumentato sull'isola", ha dichiarato l'agenzia geologica GeoNet in una nota. "La situazione rimane fortemente incerta". E non sono escluse nuove eruzioni nelle prossime 24 ore.