Assalto all'Amazzonia: uccisi due indigeni che si opponevano alla deforestazione

I membri della tribù di Guajajara sono noti come guardiani della foresta che proteggono il loro territorio dalla speculazione. Le violenze sono aumentate sotto la presidenza Bolsonaro

Amazzonia

Amazzonia

globalist 8 dicembre 2019

L’ennesima storia di violenza contro i nativi: due indigeni sono stati uccisi a colpi di pistola e due altri sono rimasti feriti in un attacco avvenuto nello stato brasiliano di Maranho, non lontano dalla zona dove lo scorso mese è stato ammazzato un esponente degli indios che difendeva la foresta pluviale amazzonica.



 L'attacco ai membri della tribù di Guajajara, nota per i guardiani della foresta che proteggono il loro territorio dalla deforestazione illegale, si è verificato ieri ai margini di un'autostrada federale vicino al villaggio di El-Betel, nel nord-est del Paese.
 Il gruppo stava tornando da una riunione quando sono stati assaliti da uomini armati a bordo di un'auto. 



Le tribù indigene in Brasile si trovano ad affrontare una violenza crescente sotto la presidenza di Jair Bolsonaro, che vuole ridurre i diritti tribali e ha incoraggiato lo sfruttamento commerciale delle loro terre protette.
 Le tribù hanno subito violenze dai taglialegna e minatori illegali. La polizia ha affermato di aver aperto un'indagine, ma non hanno voluto rivelare altri dettagli.