Il retroscena: Pence era pronto a prendere il posto di Trump alla Casa Bianca

Le rivelazioni nel libro scandalo 'A Warning': Mike Pence era pronto a sostenere l'infermità mentale di Donald Trump

Donald Trump e Mike Pence

Donald Trump e Mike Pence

globalist 7 novembre 2019
'A Warning' (Un Avvertimento) è un libro in uscita il prossimo 19 novembre scritto da un autore anonimo, che è lo stesso funzionare dell'amministrazione della Casa Bianca che scrisse una lettera aperta contro Donald Trump, pubblicata dal New York Times. E nel libro si sostiene che Mike Pence, attuale vicepresidente, era pronto a sostenere il ricorso al 25esimo emendamento della Costituzione per rimuovere Donald Trump per instanbilità mentale.
Secondo alcuni estratti del libro pubblicati dall'Huffington Post, all'interno della Casa Bianca non c'erano dubbi sul fatto che Pence avrebbe appoggiato il ricorso al 25esimo Emendamento, con il quale sarebbe diventato presidente. La procedura prevede che la lettera per richiederlo sia firmata dalla maggioranza dei membri dell'amministrazione Trump, consegnata a Pence per la firma finale e poi passata al Congresso.
La discussione sulla richiesta del 25esimo Emendamento non è mai stata formalizzata, ma dietro le quinte l'ipotesi è stata quantomeno aleggiata poco dopo il licenziamento di James Comey dalla guida dell'Fbi, tanto che era partita fra i consiglieri di Trump la conta di chi avrebbe appoggiato l'iniziativa.