Top

Morti, violenze e stupri: l'Onu manda una missione per indagare sugli abusi in Cile

L'Alto commissario per i Diritti umani è l'ex presidente cilena Michelle Bachelet: durante le proteste sono morte 18 persone, 5 di queste uccise dalla polizia

Proteste in Cile
Proteste in Cile

globalist

24 Ottobre 2019 - 18.45


Preroll

Lei non guarda in faccia nessuno: anche il paese che lei ha guidato per anni: l’Alto commissario Onu per i Diritti umani ed ex presidente cilena Michelle Bachelet invierà in Cile una missione per indagare sulle presunte violazioni dei diritti umani durante le proteste in corso nel Paese. “Dopo aver seguito la crisi fin dall’inizio, ho deciso di inviare una missione di verifica per esaminare le denunce relative a violazioni dei diritti umani”, ha annunciato la Bachelet su Twitter.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Secondo il ministro degli Esteri cileno, Teodoro Ribera, è stato lo stesso governo a chiedere l’invio di una missione Onu.

Middle placement Mobile

Il Paese sudamericano è stato teatro di una settimana di violente proteste, nelle quali sono morte 18 persone. Secondo alcune ricostruzioni, cinque delle 18 vittime sono state uccise dalle forze di sicurezza cilene.

Dynamic 1

Ci sono poi le accuse di violenze sessuali perpetrate da esponenti delle forze dell’ordine nei confronti di donne fermate durante le manifestazioni.

Il presidente Sebastian Pinera ha cancellato gli aumenti delle tariffe della metropolitana, che hanno innescato le proteste. Pinera ha anche annunciato una serie di riforme a sostegno delle fasce meno abbienti della popolazione, con aumenti delle pensioni e dei salari minimi. Le proteste sono comunque proseguite, con i manifestanti che ritengono insufficienti le riforme e chiedono il ritiro dei soldati dalle strade.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage