Erdogan, bavaglio al dissenso: 121 arrestati per aver criticato l’attacco ai curdi

L'accusa per gli arrestati è di aver fatto propaganda alle Ypg, considerati un'organizzazione terroristica

Erdogan

Erdogan

globalist 11 ottobre 2019
Centoventuno persone sono state arrestate in varie città della Turchia per aver espresso il loro dissenso sull'attaco in Siria contro i curdi. L'accusa è quella di aver fatto propaganda a un'organizzazione terroristica, come vengono considerate le Sdf e le Ypg curde. Le 'fake news' diffuse dagli arrestati sono le stesse che stanno facendo il giro del mondo, ossia le foto degli attacchi ai civili e dei bambini uccisi sotto le bombe turche. 
Ieri i due segretari del partito filo curdo Hdp, Sezai Temelli e Pervin Buldan, oltre ad altri 3 parlamentari dello stesso partito, erano finiti nel registro degli indagati della procura di Ankara, con l’accusa di “propaganda a favore di organizzazione terroristica”, a causa di post condivisi sui propri account social.