Il vescovo di Malta: "Mi sento ferito quando vedo Salvini esibire il rosario"

Monsignor Mario Grech, titolare della diocesi di Gozo, se la prende anche con il contagio nell'isola: "Anche a Malta qualcuno usa la religione per giustificare ideologie sovraniste"

Monsignor Mario Grech e papa Francesco

Monsignor Mario Grech e papa Francesco

globalist 17 agosto 2019
Non solo i vescovi italiani, ma anche gli altri che conoscono in via diretta o indiretta le prodezze di Capitan Nutella rabbrividiscono.
Il vescovo di Gozo (Malta), monsignor Mario Grech, si è detto "ferito", come uomo di Chiesa, nel vedere esibire il rosario da parte del vicepremier del governo italiano Matteo Salvini.
Il vescovo Grech - in una intervista ad una radio locale - ha affermato che anche i maltesi che usano il loro credo cristiano per giustificare queste ideologie e comportamenti, sovraniste e contrarie all'accoglienza, "stanno manipolando la loro religione mentre il Vangelo condanna tali ideologie".