Top

L'ex marito cerca di investirla, lei porta le sua armi dalla polizia: incriminata per furto

Temendo di essere uccisa la donna è andata nella casa dell'ex per togliergli pistole e fucili. Insorgono i democratici: "Punita per aver cercato aiuto"

Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

globalist

25 Giugno 2019 - 08.36


Preroll

Una storia che prima fa ridere, poi fa riflettere sulla società americana dove le armi sono protette più delle persone. Una 32enne della Florida rischia infatti un processo per furto armato con scasso perché si è introdotta in casa del suo ex marito per prendere le sue pistole e consegnarle alla polizia il giorno dopo che l’uomo ha tentato di investirla.
Courtney Irby, 32 anni, è stata fermata e poi rilasciata il 15 giugno scorso dopo essere entrata senza permesso nell’abitazione dell’ex coniuge, aver raccolto le sue armi e averle portate al Dipartimento di polizia di Lakeland chiedendo aiuto. Il giorno prima l’ex marito, Joseph Irby, avrebbe provato a investirla con l’auto al termine di una lite. L’uomo è accusato di violenza domestica.
«La Signora Irby cercava aiuto da parte del Dipartimento di polizia di Lakeland e si era attivata per proteggere se stessa e i propri figli», sottolinea la deputata democratica locale Anna Eskamani in una lettera inviata alla procura della Contea di Polk. «Dovremmo essere indignati per il suo arresto e chiedo che il vostro ufficio non la processi», aggiunge come riporta Fox News.
Secondo Eskamani, perseguire Courtney Irby «creerebbe un pericoloso precedente: se si cerca aiuto in seguito a un abuso si viene puniti per averlo fatto».

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage