I giudici brasiliani sfidano Bolsonaro: riprende l'iter per rendere l'omotransfobia reato penale

Il presidente del Brasile aveva dichiarato che la decisione non dovrebbe spettare ai giudici ma al Congresso

Lgbt in Brasile

Lgbt in Brasile

globalist 13 giugno 2019
In Brasile dovrebbe riprendere oggi il dibattito sulla criminalizzazione di omofobia e transfobia dopo che il mese scorso l'alta corte si era già espressa a favore della proposta di rendere omofobia e transfobia reati penali al pari del razzismo. 
Ovviamente, il presidente di ultradestra Jair Bolsonaro si era già espresso contro questa legge, sostenendo che non è una decisione che dovrebbe spettare ai giudici ma ai deputati e ai senatori. Da parte sua, la Corte suprema ha ribadito di aver agito a causa dell'omissione del Congresso ad approvare una legge in materia, stabilendo che il già esistente reato di razzismo sia esteso ai casi di aggressione nei confronti della comunità Lgbt finché la normativa non passi anche in Parlamento.