Top

Aggressioni anti-musulmani, uomo linciato dalla folla in Sri Lanka

Da un paio di giorni, infatti, moschee e negozi gestiti da musulmani sono stati presi d'assalto, in seguito a un conflitto insorto su Facebook.

Violenza in Sri Lanka
Violenza in Sri Lanka

globalist

14 Maggio 2019 - 08.33


Preroll

Un 45enne commerciante di religione islamica è morto nel nord-est del Paese, dopo essere stato linciato dalla folla. Da un paio i giorni, infatti, moschee e negozi gestiti da musulmani sono stati presi d’assalto, in seguito a un conflitto insorto su Facebook.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Come scrive Cinzia Rizzi su EuroNews: “Sono arrivati con una spada e hanno provato ad attaccarmi”, spiega un commeciante. “Circa 15 persone sono arrivate a bordo di moto o taxi. Hanno minacciato di uccidermi. Sono scappato dal retro. Lo stesso gruppo ha attaccato il negozio di alimentari di mio fratello”.

Middle placement Mobile

Intanto le autorità hanno imposto il coprifuoco dalle 21 alle 4 del mattino e il blocco di Facebook e WhatsApp, per impedire “l’incitamento alla violenza”.

Dynamic 1

“La polizia e le forze dell’ordine hanno controllato la situazione, ma dei gruppi continuano a creare disordini”, ha dichiarato il premier Ranil Wickremesinghe, durante un discorso trasmesso in tv.

La tensione in Sri Lanka è altissima dopo gli attacci di Pasqua, rivendicati dall’autoproclamato Stato Islamico, nei quali sono morte 258 persone, in chiese cattoliche e hotel della capitale e di altre città. Secondo il primo ministro, inoltre, le violenze scoppiate domenica potrebbero ostacolare l’inchiesta sugli attentati, nel quadro della quale sono stati arrestati 56 sospetti.

Dynamic 2

Nel Paese insulare asiatico, a maggioranza buddista, circa il 10% della popolazione è di fede musulmana, mentre il 7,6% è cristiano.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage