Più armi per tutti: il fascista Bolsonaro porta la guerra in Brasile

Il Presidente brasiliano ha varato un decreto che permette ad alcune categorie di portare armi cariche con loro

Bolsonaro

Bolsonaro

globalist 13 maggio 2019
È quasi incredibile come gli esponenti dei governi autoritari di tutto il mondo abbiano un'agenda politica simile: mentre in Italia Salvini promette la legittima difesa, il suo amico Bolsonaro in Brasile promuove una liberalizzazione sul porto d'armi e dichiara che se qualcuno cercasse di entrare nella sua casa lo accoglierebbe con la sua doppietta. 
"Io, per esempio, sono un uomo e in quanto tale devo proteggere mia moglie: se un uomo entra nella mia casa beh, allora bisogna usare le pallottole" ha dichiarato. 
Mercoledì scorso, il presidente brasiliano ha varato un decreto in base al quale varie categorie di cittadini - fra i quali i camionisti, i dirigenti politici e i giornalisti - possono non solo possedere armi da fuoco nel loro domicilio ma anche circolare con le stesse armi, cariche. Secondo Bolsonaro, esiste un clamore del popolo a favore di una liberalizzazione delle regole sul possesso e il porto d'armi, che è stato del resto uno dei leitmotiv della sua campagna elettorale.
Il suo decreto, però, ha sollevato numerose obiezioni: Rosa Weber, magistrato del Supremo Tribunale Federale (Stf) gli ha chiesto di comunicare entro la fine di questa settimana i fondamenti legali della sua riforma, mentre nelle due camere del Parlamento si discute di una possibile incostituzionalità del suo contenuto.