Il fascista Bolsonaro condannato da un tribunale per omofobia

Dovrà pagare una multa di 43 mila euro per danni morali: aveva sostenuto che i suoi figlio non potevano essere gay perché avevano avuto una 'buona educazione'.

Manifestazione in Brasile contro Bolsonaro

Manifestazione in Brasile contro Bolsonaro

globalist 10 maggio 2019
Che fosse fascista e xenofobo lo si era capito. Ora la sua omofobia è stata certificata dalla stessa giustizia brasiliana.
Il Tribunale di giustizia di Rio de Janeiro ha confermato una condanna a carico del presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, per dichiarazioni omofobe.
In base alla condanna, il capo di Stato dovrà pagare 150 mila reais (43 mila euro) per danni morali.
I fatti risalgono al 2011, quando Bolsonaro era parlamentare di Brasilia: alla domanda su cosa avrebbe fatto se avesse avuto un figlio gay, l'allora deputato rispose che questo non sarebbe mai successo perché i suoi figli avevano ricevuto "una buona istruzione".