Top

Gli operai fumavano in cantiere: elusi i divieti a Notre-Dame

Durante le indagini sono stati recuperati sette mozziconi di sigaretta.

Notre Dame
Notre Dame

globalist

24 Aprile 2019 - 12.57


Preroll

È stato un articolo giornalistico a provocare la reazione della società responsabile delle impalcature montate sulla guglia della Cattedrale di Notre-Dame. La loro è una ammissione, ma non si ritengono assolutamente colpevoli di quanto accaduto: “Alcuni operai hanno fumato nel cantiere”. Un portavoce si è detto “rammaricato” del fatto che qualcuno abbia eluso il divieto di fumo, ma ha escluso categoricamente che sia stata quella negligenza la causa del devastante incendio che ha semidistrutto la Chiesa.
Era stato il settimanale satirico Canard enchaîné a mettere in risalto i sette mozziconi di sigaretta rinvenuti nel cantiere. “In effetti, ci sono alcuni colleghi che, di tanto in tanto, hanno aggirato il divieto di fumare sul sito e ce ne dispiace”, ha dichiarato Marc Eskenazi, portavoce della Le Bras Frères. Gli operai, interrogati dalla polizia, hanno “ammesso di aver fumato”. Tuttavia, secondo Eskenazi “è fuori questione” che proprio un mozzicone abbia dato origine all’incendio.
I lavori di messa in sicurezza Le indagini vanno di pari passo ai lavori di messa in sicurezza. Una squadra di alpinisti sta lavorando per stendere un telone antipioggia sul tetto di Notre-Dame. “La nostra maggiore priorità è proteggere la cattedrale dalla pioggia”, ha spiegato all’emittente Bfm, Philippe Villeneuve, architetto, rivelando che il delicato lavoro di copertura è stato affidato a una squadra di alpinisti. Il telone sarà comunque provvisorio, in attesa di poter erigere una sorta di grande “ombrello” che proteggerà Notre-Dame dalle intemperie, senza ostacolare i lavori di ricostruzione e restauro.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage