Top

Bayer deve risarcire con 80 milioni di dollari un malato di cancro per colpa di un diserbante

La cifra in verità è molto più bassa di quanto è spettato lo scorso agosto ad un ex guardiano di parco a cui sono stati dati come risarcimento 289,2 milioni di dollari. Entrambi si sono ammalati di cancro in seguito all'uso del diserbante

Bayer deve risarcire di 80 milioni di dollari un malato di cancro per un diserbante
Bayer deve risarcire di 80 milioni di dollari un malato di cancro per un diserbante

globalist

28 Marzo 2019 - 10.07


Preroll

Il prodotto incriminato è il diserbante Roundup della Monsanto, attualmente sotto il “colosso” della Bayer.
La giuria ha stabilito che la Bayer deve pagare 80 milioni di dollari in risarcimenti e danni a Edwin Haderman, un residente della California malato di cancro in seguito alla sua esposizione al diserbante Roundup.
La giuria di San Francisco ha stabilito che Monsanto – ora controllata dal gigante tedesco Bayer – ha agito in modo negligente non mettendo adeguatamente in guardia sui pericoli del Roundup.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Per Bayer si tratta di un colpo ai suoi sforzi per cercare di sgombrare i suoi prodotti dalle accuse di causare il linfoma non Hodgkin e altri tipi di tumore.
Il verdetto della giuria contro Bayer era atteso dagli analisti dopo che già al termine della prima fase del processo i sei giurati avevano raggiunto la conclusione che Roundup era la causa della malattia di Hardeman.

Middle placement Mobile

La cifra di 80 milioni, di cui 75 milioni in danni, è decisamente inferiore ai 289,2 milioni di dollari riconosciuti lo scorso agosto da una giuria di San Francisco a Dewayne Johson, ex guardiano di un parco.
L’ammontare era stato successivamente rivisto al ribasso da un giudice a 78,5 milioni.

Dynamic 1

Il legale di Hardeman nell’arringa finale del processo ha messo in evidenza come “una società responsabile dovrebbe testare i suoi prodotti e dire ai consumatori di essere consapevole che possono causare il cancro. Monsanto non lo ha fatto” ha detto Jennifer Moore, avvocato di Hardeman.
Monsanto ha replicato di aver agito in modo “ragionevole sulla base” delle prove scientifiche, ha spiegato Brian Stekloff, legale di Monsanto, mettendo in evidenza come l’accusa stava chiedendo alla giuria di credere al fatto che i dipendenti della società hanno messo su una “cospirazione per causare il cancro”. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile