A 95 anni prende quattro autobus per partecipare a corteo anti-razzista in Nuova Zelanda

John Sato ha voluto partecipare a ogni costo alla marcia organizzata dopo gli attentati di Christchurch: "Dobbiamo essere uniti"

John Sato

John Sato

globalist 27 marzo 2019

John Sato ha 95 anni, è un veterano della Seconda Guerra Mondiale e soffre di qualche acciacco dovuto all'età, che però non gli impediscono di portare avanti le sue battaglie. Domenica 24 marzo voleva essere presente ad una manifestazione contro il razzismo, organizzata a Auckland in Nuova Zelanda dopo gli attentati di Christchurch, ed è riuscito nel suo intento, a costo di prendere ben quattro autobus. A raccontare la vicenda è il Daily Mail, riportando le informazioni dei media neozelandesi e americani.


Il signor Sato ha affermato di essere stato profondamente colpito dagli attentati a Christchurch: "Non riuscivo a dormire di notte, era come se avvertissi il dolore di quelle persone". Così la decisione di essere presente ad ogni costo alla manifestazione antirazzista di Auckland.


John Sato ha preso quattro autobus e, una volta giunto sul posto, ha suscitato l'attenzione dei presenti, tanto che un poliziotto gli ha dato una bottiglia d'acqua per rifocillarsi. Altri agenti, notando le difficoltà di deambulazione dell'anziano, hanno provveduto a sorreggerlo. Le foto di quel momento hanno fatto in breve tempo il giro del web. "Era fondamentale che ci rendessimo conto che siamo un popolo solo, non importa la razza, dobbiamo prenderci cura l'uno dell'altro", ha affermato John Sato pronunciando un deciso "no" alla violenza, alla paura e alla discriminazione.