La Polonia non sarà al vertice internazionale di Gerusalemme

Dopo le dichiarazioni razziste del premier israeliano Netanyahu e del ministro degli esteri Katz, il primo ministro polacco non invierà una delegazione a Gerusalemme.

Mateusz Morawiecki e Benyamin Netanyahu

Mateusz Morawiecki e Benyamin Netanyahu

globalist 18 febbraio 2019
Al vertice dei paesi di Visegrad a Gerusalemme, sarà assente la Polonia.
Il premier polacco Mateusz Morawiecki ha annunciato che il suo paese non invierà una delegazione a Gerusalemme per alcune dichiarazioni razziste del premier israeliano Benyamin Netanyahu, sulle complicità polacche nella Shoah.
Anche le pesanti dichiarazioni del neo ministro degli Esteri Yisrael Katz hanno fatto storcere il naso alla Polonia. Katz ha accusato i polacchi di "aver collaborato con i nazisti" e di "aver succhiato l'antisemitismo con il latte materno". Per il premier le frasi del ministro degli Esteri israeliano sono "inaccettabili" e "razziste".