L’Isis cattura e giustizia due combattenti curdi nel nord della Siria

Nonostante le 'rassicurazioni' di Trump, i curdi sono sempre più soli e abbandonati nella loro lotta contro lo Stato islamico

I due ragazzi curdi uccisi dall'Isis

I due ragazzi curdi uccisi dall'Isis

globalist 14 gennaio 2019

Mentre l’Occidente che strepita contro il terrorismo dell’Isis li ha abbandonati e mentre Trump (al di là di qualche rassicurazione formale) li sta per dire in pasto a Erdogan, i combattenti curdo-siriani continuano a far argine nel nord della Siria allo Stato islamico e sono considerati dall’Isis i peggiori nemici.


Così l’Agenzia ‘ufficiosa’ del Califfato, Amaq, ha diffuso un breve video in cui si vedono due combattenti curdi catturati che “confessano” la loro lotta al Califfato e poco dopo vengono mostrati inginocchiati con due carnefici alle spalle che li hanno uccisi scaricando le loro pistole sulla testa dei due ragazzi.


L’Isis continua a uccidere, i curdi tra i pochi che si oppongono e che sono sempre più soli in questa lotta impari.