Fuggito dalla Siria, accolto in Germania: ora sfama i senzatetto tedeschi

Da tre anni Alex Assali si è fatto promotore di una iniziativa per aiutare i poveri di Berlino. Il motto è: Give something back to german people. Per il suo impegno nel volontariato il Senato gli ha dato un'onorificenza

Alex Assali con un tedesco che ha aiutato

Alex Assali con un tedesco che ha aiutato

globalist 24 dicembre 2018
Lui è stato accolto e ora ha una vita, una casa e un lavoro. Per questo ha deciso che è giusto dare a chi è stato generoso con lui.
 Give something back to german people - "restituire qualcosa ai tedeschi": è questo il nome della campagna fondata da Alex Assali, un siriano fuggito dalla Siria nel 2014, per sostenere i senzatetto tedeschi con un piatto di zuppa calda.
Da tre anni, ogni settimana e a Natale, Assali attraversa in metro la città di Berlino con il suo banchetto e la sua pentolona di zuppa per arrivare ad Alexanderplatz, dove stazionano stabilmente i senza fissa dimora.
“Molti ci conoscono e ci aspettano. Gli incontri sono sempre affettuosi e ti toccano il cuore«, ha dettp Assali in una intervista alla Bild.
Il 2 dicembre scorso il siriano ha ricevuto un'onorificenza dal senato di Berlino per il suo impegno nel volontariato. In quell'occasione Assali ha fatto salire sul palco anche la sua compagna tedesca e le ha fatto in pubblico una proposta di matrimonio.