Top

Il Senato sconfessa Trump: dietro la morte di Khashoggi c'è il principe Salman

L'assemblea a maggioranza repubblicana ha preso le distanze dal presidente che per motici d'affati ha cercato di negare le responsabilità della casa reale saudita nell'assassinio del giornalista

Proteste per l'omicidio Khashoggi
Proteste per l'omicidio Khashoggi

globalist

13 Dicembre 2018 - 21.19


Preroll

Un segnale politico ben chiaro verso un miliardario che si sente troppo il padrone degli Stati Uniti ma che potrebbe finire nella polvere, visto che i suoi ex collaboratori stanno confessando una serie di malefatte fatte a margine del Russiagate e degli scandali sessuali.
C’è stato lo schiaffo del Senato a maggioranza repubblicana a Donald Trump. I senatori hanno approvato una risoluzione che condanna l’uccisione di Jamal Khashoggi e afferma che dietro la sua morte c’è il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Poco prima il Senato americano aveva approvato una risoluzione per mettere fine al coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra in Yemen, nella quale danno sostegno alla coalizione capitanata dall’Arabia Saudita.
La mossa è ampiamente simbolica e dimostra la presa di distanza dall’appoggio espresso dal presidente Donald Trump a Riad nonostante l’uccisione brutale del giornalista saudita dissidente Jamal Khashoggi, avvenuta all’inizio di ottobre nel consolato del suo Paese a Istanbul (Turchia). Secondo la Cia, il principe erede al trono Mohammed bin Salman con ogni probabilità ha ordinato l’assassinio del reporter che da un anno viveva in auto esilio in Usa.
La risoluzione è simbolica perché non ha futuro alla Camera, dove i deputati avevano già impedito che una simile misura fosse messa al voto.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile