Aiutava i migranti, assolto Cédric Herrou: i giudici riconoscono il valore della 'fraternità'

L'attivista era stato condannato a 4 mesi per aver aiutato i rifugiati a superare il confine. Ma la Corte di Cassazione ha annullato tutto: l'aiuto umanitario non è punibile

Cédric Herrou

Cédric Herrou

globalist 12 dicembre 2018

L'umanità e la fraternità non possono essere un reato. Almeno in Francia e - speriamo - anche in Italia: la Corte di Cassazione francese ha annullato la condanna di Cédric Herrou e di un altro militante della valle del Roya, al confine con l'Italia, per aver assistito dei migranti: è la prima decisione di questo genere dopo che la Corte costituzionale ha stabilito che il principio di fraternità deve essere applicato nella legge francese.
La massima giurisdizione ha rinviato i due militanti davanti alla corte d'appello di Lione per un nuovo processo.
L'agricoltore Cédric Herrou, una figura simbolo dell'aiuto ai migranti, era stato condannato ad agosto 2017 dalle corte d'appello di Aix-en-Provence a quattro mesi di carcere con la condizionale per aver "facilitato la circolazione e il soggiorno" dei migranti, oltre ad averli aiutati ad attraversare il confine italiano.
Lo stesso tribunale aveva condannato a settembre 2017 sempre per lo stesso reato il ricercatore Pierre-Alain Mannoni a due mesi per aver aiutato a trasportare tre migranti eritrei.
Secondo il tribunale di Aix l'attivismo disinteressato dei due uomini non bastava a concedere loro l'immunità penale prevista in alcune circostanze dalla legge francese. Convinti del contrario i due avevano presentato ricorso alla Corte costituzionale e ottenuti dai sei giudici supremi francesi la consacrazione del "principio di fraternità" da cui discende "la libertà di aiutare gli altri, a scopo umanitario, senza tener conto della regolarità del loro soggiorno sul territorio nazionale".
In concreto la Corte costituzionale francese ha eliminato la punibilità dell'aiuto umanitario relativo al "soggiorno" e alla "circolazione" dei migranti. Invece "l'assistenza all'ingresso irregolare" resta illegale.