Top

Moscovici al governo: "Il dialogo con noi non è un'opzione ma un imperativo"

Lo afferma in un'intervista commissario europeo, commentando la risposta del vicepremier Matteo Salvini all'apertura della procedura di infrazione Ue sulla manovra.

Moscovici e Salvini
Moscovici e Salvini

globalist

22 Novembre 2018 - 08.10


Preroll

“L’opinione della Commissione è un passaggio importante di una procedura prevista dai trattati. Non mi sono messo il vestito rosso o la barba bianca e non sono Babbo Natale: sono il commissario agli Affari Economici e penso si debbano trattare queste questioni con rispetto reciproco, serietà e dignità. Non con disinvoltura e un’ironia che stride. Diamoci da fare perché c’è tanto lavoro, in questa situazione che nessuno ha voluto. Certo non noi. Il dialogo non è un’opzione, è un imperativo”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Lo afferma in un’intervista al Corriere della Sera il commissario europeo Pierre Moscovici, commentando la risposta del vicepremier Matteo Salvini all’apertura della procedura di infrazione Ue sulla manovra. Per Moscovici “tenere un filo di dialogo significa che restiamo in un quadro comune, la zona euro, e in istituzioni comuni come l’eurogruppo. Parliamo fra istituzioni che hanno anche un passato e un futuro. Salvini stesso ha detto che e’ disposto al dialogo sulla manovra, dunque capisce la posta in gioco. Continuerò a confrontarmi con i miei interlocutori e se a un certo punto ci fosse occasione di incontrare Salvini o Di Maio in conversazioni più informali, non sono contro”.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage