Top

La macchina del fango grillina contro De Falco: se non sta bene con M5s torni a casa

Anche il ministro Fraccaro contro il senatore dissidente: lasci il posto a qualcun altro, coerenza vuole questo

Gregorio De Falco
Gregorio De Falco

globalist

14 Novembre 2018 - 17.19


Preroll

Dopo gli attacchi sui blog d’area grillina e le allusioni ai problemi economici ora contro il comandante De Falco è partita la ben nota strategia della denigrazione grillina. Roba da sciacalli, almeno secondo il metro discutibile di giudizio di Di Maio.
Contro i dissidenti il primo ad andare all’attacco era stato il sottosegretario M5s Stefano Buffagni che, rivolgendosi a De Falco, aveva detto: “Se non sei d’accordo vai a casa. De Falco aveva detto a Schettino ‘torna a bordo!’. Io gli dico: se non ti trovi, torna a casa”, dice riferendosi al voto del senatore sul dl Genova. “De Falco – osserva Buffagni – rimane un genio che si sente troppo genio rispetto al gruppo. Ha votato contro e senza preavviso insieme con Pd e Fi. Noi dobbiamo tenere in piedi i conti del Paese, non quelli della famiglia De Falco”.
A sostenere la stessa posizione è sceso in campo anche il ministro dei rapporti con il parlamento Riccardo Fraccaro, che ha dichiarato: “Se qualcuno non si trova più bene nel Movimento, c’è una regola che abbiamo sempre enunciato in campagna elettorale: fa un passo indietro e va a casa, lasciando il posto a qualcuno altro. Coerenza vuole questo, poi decideranno i senatori coinvolti”.
Su eventuali provvedimenti, spiega che “li potrebbero prendere Patuanelli o il collegio dei probiviri M5s. Lo vedremo nelle prossime ore, nei prossimi giorni. Ora è inutile anticiparlo”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage