Top

Pakistan, sangue sulle elezioni: attacco suicida davanti a un seggio, 31 morti

E' successo a Quetta. Tra le vittime anche 2 bambini, almeno 30 i feriti. L'attentato è stato rivendicato dall'Isis

Pakistan, sangue sulle elezioni: attacco suicida davanti ad un seggio, 31 morti

globalist

25 Luglio 2018


Preroll

Si macchiano di sangue le elezioni per rinnovare l’assemblea legislativa nazionale e quelle provinciali in Pakistan. Almeno 31 persone, tra cui tre poliziotti e due minorenni, sono rimaste uccise in un attentato suicida a Quetta, nell’ovest del paese. I feriti sono almeno 30. L’attacco è stato rivendicato dall’Isis.
Un portavoce della polizia ha spiegato che l’attentatore voleva entrare nel seggio elettorale ma si é fatto saltare in aria quando le forze dell’ordine lo hanno bloccato “azionando la bomba”.
Alcuni media sostengono che l’obiettivo dell’attacco era il vice ispettore generale della polizia, Abdul Razzaq, riuscito però a scappare. In Pakistan sono in corso le elezioni per eleggere il nuovo Parlamento tra imponenti misure di sicurezza dopo una campagna elettorale segnata da gravi violenze e attacchi con 180 persone uccise, tra cui tre candidati alle assemblee provinciali, e circa 300 ferite.
Violenze che sono continuate anche nelle ultime ore. Prima dell’attentato suicida a Quetta, infatti, sempre nella provincia del Balucistan, un agente è rimasto ucciso in un attacco con una granata contro un seggio nel villaggio di Koshk, mentre tre persone sono rimaste ferite in un’esplosione avvenuta all’esterno di un seggio a Larkana, nel centro del paese.

OutStream Desktop
Top right Mobile

 

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage