Top

Arrestata perché vigilava sulle elezioni turche: rilasciata Cristina Cattafesta

La militante era stata fermata 12 giorni fa nel sud-est del paese a maggioranza curda dove era giunta come osservatrice elettorale. Cadute le accuse di propaganda terroristica a favore del Pkk

Cristina Cattafesta
Cristina Cattafesta

globalist

6 Luglio 2018 - 10.33


Preroll

E’ stata rilasciata dalle autorità turche ed è tornata in Italia Cristina Cattafesta, l’attivista milanese 62enne fermata 12 giorni fa. La presidente del Cisda, il Coordinamento italiano sostegno donne afghane, era stata fermata il 24 giugno a Batman, nel sud-est a maggioranza curda della Turchia, dove era giunta come osservatrice elettorale per l’Hdp.
Da lì l’attivista italiana era stata trasferita al centro di identificazione per stranieri di Gaziantep, sempre nel sud-est turco, dove era stata trattenuta in attesa del provvedimento di espulsione, attuato oggi. Il trasferimento era avvenuto dopo che erano cadute nei confronti di Cattafesta le accuse di propaganda terroristica a favore del Pkk curdo.
Grande soddisfazione della Farnesina. “Il positivo esito della vicenda – si legge in una nota del ministero degli Esteri – è stato possibile anche grazie al personale interessamento del Ministro Enzo Moavero Milanesi, al quale avevano fatto appello i familiari della connazionale, e all’incisiva azione di sensibilizzazione svolta a livello locale dalla nostra Ambasciata ad Ankara, in stretto raccordo con la Farnesina”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage