Top

Ti sia lieve la terra: Soumaila Sacko è tornato a casa. Dentro una bara

Il bracciante e attivista sindacale è stato assassinato il 2 giugno sarà sepolto nella regione di Kayes, nel Mali

Ti sia lieve la terra: Soumaila Sacko è tornato a casa. Dentro una bara

globalist

28 Giugno 2018 - 19.28


Preroll

Ha raccontato Aboubakar Soumahoro, l’immigrato (laureato in sociologia) ha sulle orme di Sacko ha preso la bandiera delle lotte dei braccianti: “La salma del nostro compagno, bracciante ed attivista sindacale, Soumaila Sacko, assassinato lo scorso 2 giugno a Colegero (Vibo Valentia), è appena giunta all’aeroporto di Bamako. Adesso inizia il nostro viaggio verso la moglie e la figlia nella Regione di Kayes”,

OutStream Desktop
Top right Mobile

Poco prima su twitter Soumahoro aveva scritto: “Mentre stiamo percorrendo le strade di Bamako con i familiari di Soumaila Sacko, nell’attesa dell’arrivo della salma, ripenso ad un proverbio africano: Chi non può percepire la sofferenza di colui che ha fame non è umano”.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile