Top

Lula arringa la folla e urla la sua innocenza. 'Ma rispetterò l'arresto'

L'ex presidente deve scontare una condanna di 12 anni ma secondo indiscrezioni sarà condotto in carcere solo lunedì. Migliaia di persone lo acclamano sotto la sede del sindacato dei metallurgici

Lula urla la sua innocenza
Lula urla la sua innocenza

globalist

7 Aprile 2018 - 16.18


Preroll

Applausi, urla di incitamento, striscioni e lui Lula da Silva che arringa la folla dopo la celebrazione della messa ecumenica per la moglie, fuori dalla sede del sindacato metallurgico Abc di Sao Bernardo dos Campos. E’ la prima volta che l’ex presidente brasiliano parla da quando è stato deciso il suo arresto. Lula si è proclamato innocente e ha nuovamente criticato la polizia federale e il pubblico ministero sostenendo che “hanno mentito” e che “non li perdono per aver trasmesso alla società l’idea che io sia un ladro”.  Ma – ha aggiunto – ‘Rispetterò loro mandato” d’arresto. Lula aveva chiesto di poter partecipare alla messa in ricordo ha assicurato, riaffermando pero’ la sua innocenza e accusando la procura di aver mentito. Sull’ex capo di Stato, dato per favorito alle prossime elezioni di ottobre, pende una condanndell’amatissima moglie, Marisa Leticia,  morta nel febbraio dell’anno scorso, che oggi avrebbe compiuto 67 anni.  Era implicata nella concessione del triplex balneare da una società di costruzioni che è costato a Lula la sua pesante condanna. Questa mega villa sarebbe stata data in cambio di favori per l’ottenimento di appalti pubblici. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Il favorito delle elezioni presidenziali di ottobre, soggetto a un mandato di condanna, potrebbe consegnarsi alle autorità o oggi, o secondo Il quotidiano Globo, lunedì  per iniziare a scontare una pena detentiva di 12 anni, un mese, per corruzione passiva e riciclaggio di denaro. Luiz Inacio Lula da Silva, 72 anni, è apparso in camicia blu e jeans sulla piattaforma di un camion vicino al prete cattolico che celebrava la messa, davanti a migliaia di simpatizzanti ammassati fuori dall’unione dei metalmeccanici di Sao Bernardo do Campo, nella cintura industriale da Sao Paulo. Con il pugno alzato, ancora apparentemente combattivo ma anche visibilmente commosso Lula è stato accompagnato dallla sua ex ‘delfina’, la presidente Dilma Rousseff, estromessa nel 2016 con l’accusa di aver truccato i conti pubblici. Una folla di sostenitori ha gridato “Lula, guerriero del popolo brasiliano” e “Lula libero!”. 

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage