Top

La polizia tedesca ha arrestato Puigdemont: bloccato mentre andava in Belgio

Sull'ex presidente catalano c'è un ordine d'arresto europeo emanato da Madrid: aveva attraversato il confine dalla Danimarca. Ora è in carcere

Puigdemont
Puigdemont

globalist

25 Marzo 2018 - 10.56


Preroll

Carles Puigdemont è stato trasferito nel penitenziario di Neumünster, nel lander del Schleswig-Holstein, nel nord della Germania. Lo ha appreso la Dpa, che scrive che l’ex presidente della Generalitat è arrivato nel carcere verso le 15 a bordo di veicolo con i vetri oscurati. Il vice procuratore generale del Schleswig-Holstein, Ralph Döpper, non ha voluto confermare il trasferimento, invocando “ragioni di sicurezza”.
Puigdemont è stato fermato dalla polizia tedesca in base all’ordine d’arresto europeo che è stato riattivato dalla Spagna dopo che la Corte Suprema, venerdì scorso, ha confermato contro di lui accuse di ribellione, sedizione ed abuso di potere, che possono portare in Spagna ad una condanna a 30 anni di carcere.
L’arresto in Germania complica la posizione processuale del leader catalano, dal momento che, a differenza del Belgio dove Puigdemont si è rifugiato cinque mesi fa, la Germania ha nel suo codice penale il reato di alto tradimento, equiparabile a quello di ribellione, con pene che vanno dai dieci anni all’ergastolo.
Le regole del mandato d’arresto europeo, in vigore dal 2004, prevedono che come primo passo la magistratura tedesca decida se mantenere Puigdemont in stato di fermo mentre si decide dell’eventuale estradizione. Estradizione che potrebbe avvenire in tempi molto brevi, entro 10 giorni, se Puigdemont non si oppone. In caso contrario, la decisione deve essere presa entro un massimo di 60 giorni.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Il fermo della polizia

Middle placement Mobile

La polizia tedesca ha fermato l’ex presidente della Catalogna Carles Puigdemont mentre in macchina aveva oltrepassato la frontiera che dalla Danimarca lo avrebbe portato, attraverso un passaggio in Germania, nel Belgio dove ultimamente ha la sua residenza.
Un fermo avvenuto in conseguenza del mandato d’arresto europeo emesso dal giudice del tribunale supremo Pablo Llarena.
Stando a quanto riferito da Jaume Alonso-Cuevillas, avvocato di Puigdemont, l’ex presidente resta in stato di fermo mentre si stanno esaminando i documenti in possesso della polizia tedesca e di facciano le verifiche sull’ordine di arresto spagnolo-
Il fermo dell’ex presidente catalano c’è c’stato poco prima di mezzogiorno lungo una autostrada che andava verso Amburgo. Il fermo è avvenuto all’altezza del bordo di Schuby.
Sono stati i servizi segreti spagnoli, che seguivano le mosse del leader indipendentista, a informare le autorità tedesche degli spostamenti di Puigdemont che era andato in Finlandia e poi aveva deciso di tornare a Bruxelles.
Puigdemont aveva intenzione di mettersi a disposizione delle autorità belghe non appena rientrato a Bruxelles.
Il leader indipendentista è stato formalmente incriminato per presunta ‘ribellione’ venerdì con altri 24 dirigenti catalani dal tribunale supremo spagnolo, che ha riattivato l’euro-richiesta di arresto ed estradizione nei suoi confronti e di altri 5 riparati in Europa.
Rischia, con gli altri incriminati per ‘ribellione’, una condanna fino a 30 anni di carcere per avere portato avanti pacificamente il progetto politico dell’indipendenza e per la proclamazione della ‘repubblica’ il 27 ottobre scorso.

Dynamic 1

 

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile